• Condividi su Facebook

Dl 35-2013: alle PA tre quarti dei fondi 2013 per i pagamenti alle imprese

  • 29947
  • Governo Italiano 23/07/2013
  • POLITICA GENERALE

Le amministrazioni pubbliche hanno ricevuto finora 15,7 miliardi di euro dei 20 miliardi previsti per il 2013 dal decreto sui pagamenti della PA alle imprese creditrici e una nuova tranche potrebbe arrivare dopo l'estate. E' quanto dichiarato dal ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, rilasciando i dati sull'attuazione del decreto-legge 35/2013.

Il decreto-legge n. 35 dell'8 aprile 2013 ha previsto lo stanziamento di 20 miliardi per ciascuno degli anni 2013 e 2014 per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione. I fondi trasferiti finora alla PA sono pari a 15,7 miliardi, di cui:

  • 6,6 miliardi agli Enti locali
  • 6,4 miliardi alle Regioni e alle Province autonome
  • 500 milioni ai Ministeri,
  • 2,2 miliardi di rimborsi fiscali.

I dati sull'attuazione del dl sono disponibili sul sito del Mef e saranno aggiornati ogni 15 giorni, ma quelli relativi ai pagamenti effettivamente erogati alle imprese saranno pubblicati solo il mese prossimo; dalle prime stime, sembra comunque che l'operazione proceda a rilento, con fatture saldate per circa 5 miliardi di euro. A causare il ritardo sarebbero soprattutto le amministrazioni regionali, che devono adottare una serie di misure per garantire i prestiti ricevuti dallo Stato.

Per il futuro sono in discussione tre ipotesi:

  • il Ministero potrebbe decidere di sbloccare, con l'ultima tranche del 2013, circa 10 miliardi di euro, utilizzando in anticipo parte dei 20 miliardi previsti per il 2014
  • l'intera dotazione del 2014 potrebbe essere anticipata all'ultimo trimestre 2013
  • il Mef potrebbe saldare tutto l'arretrato ancora a carico della PA.

La decisione, ha spiegato Saccomanni, dipenderà da “valutazioni di natura tecnico-operativa che faremo anche alla luce del censimento aggiornato sui debiti scaduti certi, liquidi ed esigibili che sarà pronto a metà settembre”.

Link
Area di interesse
  • Territorio nazionale