FONTE (*)

TIPO DI NOTIZIA (*)

IDENTIFICATIVO DEL BANDO

TITOLO (*)

TITOLO BREVE

ABSTRACT

TESTO

REFERENTE

  • Condividi su Facebook

NEWS

Finanziamenti per la ricerca e sviluppo nel settore della difesa

News n.: 39704

Fonte: VARIE - UE del 11/10/2017

Tipo informazione: POLITICA GENERALE

La questione dell'opportunità di prevedere all'interno del 9° Programma Quadro il finanziamento anche delle tecnologie legate alla difesa è oggetto di discussione e preoccupazione a Bruxelles.

Nel mese di giugno, il direttore generale della ricerca e dell'innovazione, Robert-Jan Smits, ha affermato che il sostegno a nuovi prototipi militari "assorbirebbe molti soldi dal bilancio europeo", lasciando dubbi sui futuri stanziamenti per la ricerca convenzionale in Europa. In precedenza, i finanziamenti europei erano disponibili solo per la ricerca a fini civili o commerciali, ma potrebbero anche avere un uso militare.

A seguito di un investimento pilota nella difesa di 90 milioni di euro dal bilancio europeo nel 2017-2019, la Commissione propone un grande aumento a 500 milioni di euro nel 2019-2020 e la cifra potrebbe salire a 1,5 miliardi di euro all'anno dal 2021.

Un secondo punto del piano di difesa prevede che la Commissione condivida i costi dello sviluppo dell'hardware militare con gli Stati membri, in modo da ridurre inutili sovrapposizioni. I funzionari della Commissione stimano che circa il 30 per cento delle spese potrebbe essere risparmiato se le nazioni acquistassero insieme le attrezzature.

Se sia il Parlamento europeo che le capitali nazionali approvassero il programma di investimenti, l'UE diventerebbe il quarto investitore più grande in Europa nella ricerca nel settore della difesa dopo il Regno Unito, la Francia e la Germania.

Per essere ammissibili ai bandi di ricerca in materia di difesa, i consorzi di almeno tre imprese o istituti di ricerca e due Stati membri devono presentare un'offerta congiunta.

Un progetto potenziale che la Commissione ha in mente è quello di sostenere lo sviluppo di un drone europeo.

L'UE ha detto che alcuni lavori finanziati dal programma di difesa saranno classificati, il che significa che gli scienziati non saranno sempre in grado di pubblicare i risultati.

Il programma, avviato a giugno, ha attirato finora 21 proposte, secondo Alain Alexis, responsabile dell'unità per la difesa, le industrie aeronautiche e marittime presso la Commissione.

Il finanziamento del pilota di difesa ha già richiesto alla Commissione di riorientare 145 milioni di euro dal bilancio del programma Connecting Europe Facility, che vale circa 30 miliardi di euro nel periodo 2014-2020.

Nonostante le riserve su un nuovo programma di ricerca sulle armi a Bruxelles, la protesta è stata limitata.

Come principale potenza militare dell'UE, il Regno Unito è stato il grande ostacolo alla spesa comunitaria comune in materia di difesa. Il paese aveva a lungo bloccato l'integrazione della difesa dell'UE, temendo lo sviluppo di un esercito europeo. L'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti ha anche dato impulso alla spinta per gli sforzi per costruire un'autonomia strategica europea e per poter agire indipendentemente da altre grandi potenze.

Link
Quadro di finanziamento
Area di interesse
  • Unione Europea
Nome del mittente (*)
Cognome del mittente (*)
Email del mittente (*)
Email del destinatario (*)
Testo del messaggio (*)