• Condividi su Facebook

Nuovo focus della DG Regio: “Access to Universities in the EU: a regional and territorial analysis”

  • 43517
  • UNIONE EUROPEA 03/01/2019
  • PUBBLICAZIONE

Il nuovo paper “Access to Universities in the EU: a regional and territorial analysis” fa parte di una serie di focus su ricerche e indicatori regionali redatti dalla DG Politica Regionale e Urbana della Commissione Europea e analizza il grado di accesso alle università nelle diverse regioni e aree europee.

L’analisi utilizza statistiche sulla popolazione, dati sulla posizione delle università e sulle reti stradali, quantificando le persone che abitano a più di 45 minuti in auto da un’università.

Un accesso adeguato all’istruzione superiore è infatti un requisito importante per lo sviluppo e la competitività di una regione. Esso può favorire l’innovazione e il miglioramento delle competenze della forza lavoro attraverso l’istruzione e l’apprendimento permanente. Un accesso agevole permette a più persone di frequentare l’università, incluse quelle che non possono spostarsi per ottenere un titolo di laurea.

In generale, si evince che le università sono distribuite abbastanza uniformemente in tutta l'Europa. Nei paesi UE e nell’area EFTA, in media 4 persone su 5 abitano a meno di 45 minuti di auto dal campus principale di almeno un’università.

Tuttavia, in un quinto delle regioni NUTS-3 (assimilabili alle province italiane), la maggioranza della popolazione impiega più di 45 minuti per raggiungere un’università. Queste regioni rappresentano il 14% della popolazione dell’UE e dell’area EFTA. Due terzi di queste regioni, inoltre, si sono spopolate dal 2010, mentre tra le regioni in cui i cittadini vivono più vicini a un’università, solo un terzo ha subìto una diminuzione della popolazione.

La maggioranza delle regioni con scarso accesso alle università si trova nei paesi membri dell’Europa dell’Est.

Link
Area di interesse
  • Unione Europea