• Condividi su Facebook

Stakeholder conference on PPP & bio-based industries: “Public Private Partnership” come strumento per “R&I market-pull”

  • 28513
  • APRE 21/01/2013
  • INFORMAZIONE

Si é tenuta a Bruxelles il 9 gennaio la“ Stakeholder Conference“ sui futuri partenariati pubblico-privati (Public Private Partnerships) per le Bio-based Industries.

Dal 2014, le “Public Private Partnerships”, ricopriranno una molteplicità di temi e avranno un ruolo chiave particolarmente in ottica Horizon 2020, come ormai già evidente dalle varie comunicazioni della Commissione.

La conferenza è stata aperta con l’intervento del Direttore Generale DG R&I Robert-Jan Smits il quale ha posto l’accento sulla forte partecipazione alla consultazione pubblica lanciata dalla CE. Solo per citare alcuni numeri, sono state ricevute circa 700 risposte alla consultazione proveniente dal settore industriale, associazioni, imprese e autorità pubbliche. Jan Smits ha evidenziato in particolare l’urgenza di rendere pienamente operative le future PPPs.
In tale ottica, risulterà fondamentale individuare performance indicators e risultati da raggiungere.

L’agenda per R&I 2014-2020 lavorerà in forte sinergia con le PPPs per raggiungere gli obiettivi stabiliti. In tale prospettiva, Jan Smits ha anticipato la prevista pubblicazione di un “position paper” della Commissione in ambito PPPs che includerà le bio-based industries.
Importanti stakeholder del settore (EuropaBio, Novamont) hanno delineato le linee guida e punti cardine per accelerare il processo di realizzazione delle PPPs.

Attenzione particolare è stata dedicata al concetto di “integrated value chain” che implica una cooperazione a 360 gradi con mercati e aree tematiche orizzontali.
Si tratterebbe dunque di riorganizzare i vari segmenti del mercato in ottica sistemica in grado di creare sinergie-Clustering molteplici stakeholder e relativi mercati di riferimento.
Riferimenti puntuali sono stati indirizzati alla necessità di definire standard di riferimento per le future PPPs ed un maggiore coinvolgimento delle Università per fornire le conoscenze necessarie.

A conclusione della stakeholder conference, Antonio Di Giulio - Acting Director DG R&I, ha presentato e discusso i principali risultati della consultazione e successivi “step”:

  • N. 673 risposte: 65% dal settore privato, dalle Università 25%,e dal settore pubblico 9%
  • Principali questioni: competitività (primary production, logistics and storage of biomass)
  • Punti di forza: ricerca di base
  • Debolezze: accesso dell’industria alle fasi di dimostrazione
  • Valore aggiunto dell’intervento UE (PPPs): livelli d’investimento, cooperazione tra stakeholder all’interno delle “value chains”.

In conclusione, le PPPs sono state identificate e giudicate dai vari stakeholder come lo strumento ideale a supporto della competitività in Horizon 2020, per il mercato del lavoro ed in ultimo necessarie per generare impatto e benefici tangibili per i consumatori.

Link
Quadro di finanziamento
  • HORIZON 2020 : HORIZON 2020 Programma Quadro di Ricerca e Innovazione (2014-2020)
Area di interesse
  • Unione Europea