• Condividi su Facebook

Da NEST a IDEAS: come evolve il programma nel VII PQ

  • 14293
  • APRE 18/09/2006
  • POLITICA GENERALE
Il programma NEST ha costituito nell’ambito del VI Programma Quadro un settore piuttosto particolare, che con grande coraggio ha fronteggiato e cercato di gestire la ricerca multi disciplinare. Sono passati 5 anni dal suo lancio, le proposte presentate sono state 1232 e l’esperienza NEST si è rivelata un successo tanto che la DG Ricerca ha deciso di proseguire facendo evolvere il programma nel nuovo IDEAS, che sarà gestito dal Consiglio Europeo per la Ricerca. Il nuovo IDEAS finanzierà la ricerca di “frontiera”, non la ricerca di base, come amano sottolineare i funzionari della Commissione, ossia la ricerca
  • intrinsecamente rischiosa,
  • caratterizzata dall’assenza di limite di disciplina
  • e spesso immediatamente utile.
Anche nel modo di partecipazione il programma IDEAS si discosterà dal resto del programma quadro, poiché è stata inserita una novità per i partecipanti. Chi potrà partecipare? Gruppi di individui (“Individual teams”), ossia gruppi di ricercatori, indipendentemente dall’ente per cui solitamente fanno ricerca. A partecipare non saranno più gli enti, ma i singoli individui, che saranno guidati dal “Principal Investigator” il quale assemblerà il gruppo e sarà libero di scegliere il tema della ricerca. La scelta dei singoli ricercatori (Team Member) da parte del Principal Investigator dovrà avvenire in modo che ciascun ricercatore dovrà apportare al progetto un valore scientifico aggiunto enorme. Seguendo la scia di tutto il programma quadro, IDEAS incoraggia la partecipazione di ricercatori provenienti sia da paesi europei e non, ponendo comunque delle regole sulla provenienza dei ricercatori in base al ruolo svolto nel progetto.
immagine
Schemi di finanziamento. Il programma IDEAS avrà 2 linee di finanziamento:
  1. ERC Starting Independent Researcher Grant (ERC Starting grant),
  2. ERC Advanced Investigator Researcher Grant (ERC Advanced Grant).
I due schemi mirano ad accompagnare i ricercatori nel loro cammino di ricerca, dal termine del dottorato di ricerca in poi. L’ ERC Starting grant intende sostenere i ricercatori nella loro prima esperienza in un gruppo di ricerca indipendente, e fornire loro una struttura per la transizione dalla ricerca sotto un supervisore alla ricerca indipendente. Inoltre nel lungo termine l’ERC Starting grant desidera sostenere economicamente la creazione di nuovi gruppi di eccellenza scientifica che possano portare nuove energie ed idee nell’ambito delle loro discipline. Tali gruppi dovranno quindi contribuire all’abbattimento delle tradizionali distinzioni tra discipline e rinnovare i loro settori. La DG Ricerca ha difatti coniato un motto per definire l’obiettivo di tale nuova linea “3Rs – Retain, Repatriate, Recruit” Ponendoci su una linea temporale potremmo dire che l’ ERC Starting grant prosegue il lavoro delle Azioni Marie Curie, sostenendo i giovani ricercatori dopo il termine del dottorato di ricerca.
immagine
Il secondo schema, l’ ERC Advanced Grant, è complementare all’ ERC Starting grant e finanzia i ricercatori che hanno già svolto ricerca in modo indipendente e quindi come team leader.
immagine
immagine
Possibile percorso di ricerca di un singolo ricercatore nel 7°PQ Le proposte presentate potranno avere una durata massima di 5 anni e dovranno essere presentate in 2 fasi in previsione di un elevato numero di proposte. Le proposte saranno valutate in base ai seguenti criteri:
immagine
I bandi relativi a tale schema saranno pubblicati successivamente. Durante il primo anno i bandi potrebbero riguardare solo l’ ERC Starting grant. Budget Per quanto concerne la disponibilità finanziaria, su 50.521 M€ del budget del 7° programma quadro, il programma IDEAS ne assorbirà il 14,76% per un ammontare pari a 7.460 M€, con un notevole incremento annuo rispetto al precedente programma quadro. Per il primo anno si prevede una spesa di 300 M€. Essi saranno dedicati interamente all’ ERC Starting grant nel primo anno, mentre nell’arco dei 7 anni si prevede una spesa di 1400 M€ con una media annua di circa 200 M€. Che fine hanno fatto gli “Emerging needs”? Nel 6° Programma quadro, il programma NEST riguardava la ricerca in settori nuovi come pure la ricerca derivante da “bisogni emergenti” come situazioni impreviste. Tale attività è stata stornata dal programma IDEAS per essere inglobata nei singoli temi di Cooperation. Alcuni temi hanno già identificato i “bisogni emergenti” per i primi bandi (“emerging epidemics” nel caso di Health), mentre altri temi intendono invece organizzare dei workshop per identificare tali bisogni. Eventi in programma Il 26-28 Febbraio 2007 a Berlino ci sarà la conferenza di lancio del Consiglio Europeo della Ricerca organizzata insieme alla presidenza tedesca della Commissione Europea.
Referente
Link
Identificativo dell'invito
Quadro di finanziamento
  • 7FP-IDEAS : IDEE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea
Stanziamento in euro