• Condividi su Facebook

Aggiornamenti sui bandi dell’European Research Council (ERC)

  • 15951
  • APRE 04/07/2007
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA
L’ERC vuole finanziare la ricerca di frontiera, eseguita da singoli gruppi di ricerca guidati da un ricercatore principale, eventualmente ma non necessariamente in collaborazione con altri gruppi a livello nazionale o internazionale. La figura chiave dei progetti finanziati è il Principal Investigator (PI). L’ERC non intende finanziare ‘reti’o ‘consorzi di ricerca’ con molti partner, che sono invece usuali nel programma Cooperazione del 7° PQ. Le Starting Independent Researcher grants intendono aiutare i ricercatori a creare o consolidare il proprio primo gruppo o prima linea di ricerca. Le Advanced grants si rivolgono ai migliori ricercatori ‘senior’ che già hanno conquistato la propria posizione indipendente e che sono leader del proprio settore. In entrambi i casi, i PI possono avere qualsiasi nazionalità, ma l’istituzione ospitante deve essere situata in Europa. Di seguito alcuni aggiornamento riguardo queste due attività previste dall’ERC.
STARTING GRANTS
La prima fase di valutazione del bando si è conclusa il 25 aprile 2007, e i risultati sono attesi per luglio/agosto 2007. Sono state ricevute 9167 proposte, mentre l’ERC si aspetta di poterne finanziare tra 200 e 250. Non sono disponibili statistiche per Paese, ma l’Italia ha sicuramente partecipato in maniera rilevante. Il 46,2% del totale delle 9167 proposte riguarda un istituto ospitante nel gruppo di Paesi Italia, Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo e Olanda. Circa 250 proposte erano di ricercatori europei attualmente fuori Europa che intenderebbero usare il grant per tornare in Europa. Il 2,8% erano PI di Paesi terzi industrializzati che intendono stabilirsi in Europa, e il 0,4% di Paesi terzi non industrializzati. Per quanto riguarda gli argomenti di ricerca, proposte dai ricercatori stessi, la distribuzione tra ‘domini’ non ha differito notevolmente dalla distribuzione del budget tra le aree, come si vede di seguito.
ERC Starting grants – scad. 25-4-2007 Proposte ricevuteBudget pre-assegnato
Scienze delle vita37,0%40%
Scienze fisiche, naturali e ingegneria48,1%45%
Scienze sociali, economiche e umanistiche14,9%15%
Una quota di circa 20% del budget è trattenuta per poter accomodare le proposte interessanti, al di là della distribuzione a priori. Il 87% delle proposte coinvolge una sola organizzazione ospitante (com’era prevista dalla strategia ERC), il 94% coinvolge fino a 2 organizzazioni, il 96% fino a 3. Una percentuale residua ha previsto un numero maggiore di organizzazioni, ma proposte del tipo ‘rete’ difficilmente saranno finanziate. Il sistema elettronico EPSS ha funzionato senza problemi nonostante l’alto numero di proposte. In media la richiesta finanziaria era di circa un milione di Euro (il massimo era 2 Meuro). Per quanto riguarda gli anni di esperienza dopo il dottorato del PI, la distribuzione era molto omogenea, come indicato di seguito. Per il prossimo bando dei Starting grants, si potrebbe pensare di ridurre la finestra di eleggibilità del PI a tra 3 e 8 anni di esperienza dopo il dottorato (attualmente tra 2 e 9).
Anno del PhD 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005
1,7% 8,7% 13,6% 14,6% 15,1% 15,0% 13,6% 12,4% 4,2%
Il numero di proposte ineleggibili è relativamente basso, circa 350 (di cui per circa 250 mancava o non era valida la dichiarazione di supporto dell’istituzione ospitante).
ADVANCED GRANTS
La pubblicazione del bando sarà posticipata a fine ottobre/ inizio novembre 2007, con scadenze nei primi mesi del 2008. Per non correre il rischio di ricevere decine di migliaia di proposte per una unica scadenza, che metterebbe a rischio il corretto funzionamento del sistema elettronico, l’ERC pensa di diversificare le scadenze per le varie macroaree, e di introdurre altri criteri per ridurre la partecipazione in più proposte. Inoltre, un elemento essenziale della valutazione sarà il curriculum scientifico del Principal Investigator, che dovrà avere pubblicazioni e esperienza di ricerca eccellenti a livello internazionale e dovrà essere una figura di spicco del suo settore (‘established leading researcher’), già indipendente, e che ha già ottenuto finanziamenti, almeno a livello nazionale. Il proponente dovrà inoltre dimostrare che si tratti di un progetto visionario (non la ‘solita’ ricerca di base), rischioso, e diverso dalla sue abituali attività di ricerca. In sostanza, l’idea è di scegliere i migliori ricercatori, il cui nome è una ‘garanzia’, per fare progetti con un alto elemento di incertezza. Molto probabilmente, per gli Advanced grants non ci sarà il requisito di essere in possesso del dottorato di ricerca, quindi, secondo questa previsione, i ricercatori italiani eccellenti che, per motivi vari, non abbiano intrapreso un dottorato, potranno comunque partecipare. Il finanziamento potrà raggiungere fino a 500.000 Euro per anno, per un massimo di 5 anni. In tutto l’ERC potrà finanziare circa 300 progetti in questo primo bando per Advanced grants. Sarà introdotto un meccanismo di presentazione in una unica fase, con valutazione in due fasi. Cioè, il proponente presenta una proposta completa, di cui sarà prima valutata soltanto una parte (il CV del PI e una sintesi del progetto). Dopo questa ‘scrematura’ passeranno alla fase 2, e quindi ad una valutazione completa, proposte per un budget complessivo di circa due o tre volte la dotazione finanziaria del bando. Anche per questo bando, si prevede una selezione estremamente competitiva, con un numero di proposte molte volte superiore a quello che l’ERC potrà finanziare.
VALUTAZIONE E GESTIONE DELL’INTERDISCIPLINARIETÀ
L’interdisciplinarietà è inerente alla struttura dei ‘panel’ di valutazione, che sono abbastanza ampi da prevedere una visione interdisciplinare al loro interno, e non sono strutturati in base all’approccio interdisciplinare, ma in base all’argomento di ricerca. Un esempio di alcuni panel interdisciplinari è riportato di seguito. SH1: Individuals and Organisations: economics, management, demography, geography, urban and environmental studies PE8: Earth System science: physical geography, geology, geophysics, meteorology, oceanography, climatology, ecology, global environmental change, biogeochemical cackles, solar planets, natural resources LS5: Evolutionary, population and environmental biology: evolution, ecology, animal behaviour, population biology, biodiversity, biogeography, marine biology, ecotoxicology In principio, la proposta sarà valutata all’interno di un solo panel, tranne casi particolari. Se i membri del panel riterranno di non avere la capacità di valutare la proposta, il presidente del panel lo segnalerà all’ERC. Per la prima fase di valutazione, il ruolo dei panel è di vedere quali proposte sono veramente di frontiera, e fare una prima selezione. Nella seconda fase saranno interpellati esperti dell’argomento specifico di ricerca. Alcuni dei 20 ‘panel’ di valutazione hanno ricevuto un numero molto alto di proposte, quindi probabilmente saranno divisi in due. Dato il grande numero di proposte, sono stati chiamati ulteriori valutatori, oltre ai membri dei Panel già individuati. Ci sono stati 120 casi dove la proposta è stata valutata da un panel diverso da quello indicato dal PI (tutti visti personalmente dal Segretario dell’ERC). In ogni caso, per avere successo nella valutazione, le proposte dovrebbero avere un interesse ampio o ampie aree di applicazioni – si sconsiglia di scegliere tematiche molto specializzate o di nicchia.
GESTIONE
La CE sta preparando una ‘Guide for grant holders’, con indicazioni pratiche per la gestione delle sovvenzioni. In un progetto di, per esempio, 5 anni, si prevede che ci possa essere, nel caso tipico, annualmente un rapporto finanziario con una brevissima giustificazione sull’impiego delle risorse, e solamente pochi rapporti scientifici approfonditi, 2 o 3 volte nell’arco del progetto. Questo per allegerire la gestione.
Referente
  • Per ulteriori informazioni: APRE – Agenzia per la Promozione per la Ricerca Europea Piazza Marconi 25, 00144 Roma Tel. 06-5911817 Daphne van de Sande (NCP) – vandesande@apre.it Giovanna Maracchia – maracchia@apre.it Egill Boccanera – boccanera@apre.it
Identificativo dell'invito
Quadro di finanziamento
  • 7FP-IDEAS : IDEE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea
Stanziamento in euro