• Condividi su Facebook

L’Italia e la sua partecipazione al bando European Research Council

  • 16298
  • APRE 18/09/2007
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA

immagine In merito al primo bando dell’European Research Council, per Starting Independent Research grants, citiamo di seguito uno stralcio di un articolo del prof. Settis, membro del Scientific Council dell’ERC, pubblicato il 5 settembre 2007 su Scuola e Giovani di Repubblica.

Sottolineiamo che i dati fanno riferimento ad un campione parziale delle oltre 9000 proposte presentate. ‘Un dato di grande interesse emerge da un campione, pari a circa il 25% del totale, del primo round dei fondi di ricerca distribuiti ai giovani (entro il nono anno dopo il PhD) dal Consiglio Europeo delle Ricerche.

Gli italiani vi figurano assai bene, al secondo posto dopo la Germania (17%) e a parità con l’Olanda, col 14% di successi: consolante conferma dell’alto livello della ricerca in Italia, anche rispetto ad altri paesi (Gran Bretagna e Francia 8%, Belgio 10%, Spagna 4%). Ottimo, se badiamo solo alla cittadinanza d’origine. Ma se invece guardiamo, ed è essenziale, dove i singoli studiosi hanno deciso di impiantare la loro ricerca in caso di successo finale (ogni singolo grant può arrivare fino a 2 milioni di Euro), l’Italia perde vistosamente terreno: di quel 14% solo il 5% (cifra sempre riferita al totale) intende restare in Italia, mentre il 9% si distribuisce fra Inghilterra, Francia e Olanda. Il Regno Unito, che parte svantaggiato con un magro 8%, si dimostra il Paese più attrattivo d’Europa, e finisce al 25% del totale; la Spagna supera l’Italia per l’apporto di studiosi da altri Paesi; la piccola Olanda attira dall’estero il 4%, l’Italia arriva ultima con un misero 1%.

La lezione è chiara: la maggior parte dei giovani più brillanti che l’Italia produce non hanno fiducia nel proprio Paese, che pure ha saputo formarli in modo adeguato e a caro prezzo.

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-IDEAS : IDEE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea