• Condividi su Facebook

In cerca di nuovi pianeti: il progetto ROPACS finanziato dall'UE prende il via

  • 19020
  • CORDIS - NEWS 14/01/2009
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA

logoScienziati europei stanno cercando pianeti simili alla Terra nelle orbite di stelle più fredde nell'ambito del progetto ROPACS ('Pianeti rocciosi intorno a stelle fredde'), finanziato dall'UE, una rete di formazione Marie Curie finanziata con 3,2 Mio EUR dal Settimo programma quadro (7° PQ). Il team internazionale di ricercatori spera di scoprire pianeti nelle orbite di altre stelle che potrebbero ospitare forme di vita nonché di capire meglio le origini della vita nell'universo.

La potenziale abitabilità di un pianeta dipende dal fatto che esso sia roccioso o fatto di gas, e che si trovi abbastanza vicino alla propria stella da avere acqua corrente sulla superficie del pianeta. ROPACS, coordinato dal dott. David Pinfield della University of Hertfordshire nel Regno Unito, è una rete di ricercatori provenienti da Regno Unito, Germania, Spagna e Ucraina che useranno il Telescopio ad infrarossi del Regno Unito per identificare pianeti rocciosi intorno a stelle più fredde, e determinare se essi possono ospitare la vita.

Gli scienziati condurranno un 'esame del transito' per osservare pianeti più piccoli quando passano di fronte a stelle di piccola massa M-dwarf. Il loro esame del transito (Transit Survey o WTS) su larga scala con wide-field camera (WFCAM) avrà la durata di circa 200 notti di immagini ad infrarosso del cielo, monitorando piccoli cambiamenti nella brillantezza di pianeti remoti nel momento in cui passano di fronte alla loro stella ospite.

'In passato, gli studi venivano condotti usando telescopi ottici, perché il Sole e le stelle di tipo solare sono più luminose nella gamma ottica,' ha spiegato il dott. Pinfield. 'Se si vogliono ricercare pianeti più freddi, bisogna usare l'infrarosso invece dell'ottico, perché è lì che le stelle più fredde emettono realmente le loro radiazioni. Quando i pianeti orbitano intorno a stelle più fredde, passano di fronte alla stella e questa diventa meno brillante.'

I ricercatori ritengono che il loro esame del transito possa aiutarli a trovare pianeti abitabili vicino alle stelle di piccola massa M dwarf. Fortunatamente, la loro tecnica permette loro di condurre l'esame in condizioni metrologiche sia buone che cattive. Condurranno studi di follow-up per identificare la massa, il raggio, la densità e le atmosfere dei pianeti in transito.

'Una delle idee principali dietro la ricerca di pianeti intorno a stelle fredde è che tali pianeti sono più piccoli delle stelle a luce solare,' ha detto il dott. Pinfield. 'Si è in grado di rilevare pianeti più piccoli che girano intorno ad esse usando il metodo di transito.' Studi del transito precedenti hanno rivelato pianeti circa delle dimensioni di Giove; i pianeti in transito intorno alle stelle più fredde potrebbero essere circa 10 volte più piccoli.

I partner sperano che le loro scoperte avranno un impatto positivo sulla nostra comprensione della diversità di pianeti abitabili, e che le loro scoperte di alto profilo saranno d'ispirazione sia per il pubblico generale che per gli studenti in tutte le fasi della loro carriera universitaria.

Uno degli obiettivi del progetto è quello di sviluppare una tecnologia basata nello spazio per studiare pianeti al di fuori del sistema solare. La rete di formazione sosterrà 11 dottorati di ricerca e 4 borsisti a livello di postdottorato che lavoreranno tra istituzioni (nessuno degli studenti potrà lavorare nel proprio paese d'origine) e con il proprio partner commerciale, l'azienda di ingegneria spaziale EADS Astrium, per rilevare e descrivere nuovi pianeti e per lavorare su future tecnologie spaziali. I giovani ricercatori riceveranno una formazione nel campo dell'astronomia, dell'informatica, delle tecniche matematiche tra cui algoritmi specializzati, spettroscopia e design ingegneristico.

'Conoscere l'eterogenea gamma di sistemi planetari che esistono intorno ad altre stelle ci permette di capire meglio il nostro posto nell'universo, e ci rivelerà in che misura sia possibile trovare habitat adatti alla vita in altri luoghi,' ha detto il dott. Pinfield. L'incontro iniziale del progetto è previsto per il 28 e 29 gennaio.

L'ispirazione che sta dietro al progetto è semplicemente la scoperta. 'Per me, scoprire nuove cose che non c'erano prima è stato sempre molto eccitante,' ha commentato il dott. Pinfield. 'Quindi l'idea di trovare questi piccoli pianeti e di avvicinarci all'obiettivo di trovare pianeti terrestri che potrebbero ospitare altre forme di vita nell'universo è sicuramente molto eccitante.'

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-PEOPLE : PERSONE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea