• Condividi su Facebook

La scienziata finanziata dall'UE Anne L'Huiller vince un prestigioso premio

  • 23182
  • CORDIS - NEWS 26/11/2010
  • INFORMAZIONE

logoLa professoressa Anne L'Huillier dell'Università di Lund, in Svezia, ha vinto uno dei cinque premi 'L'Oréal-UNESCO For Women in Science' per il 2011. La L'Huillier ha vinto il premio 'per il suo impegno nello sviluppo della videocamera più veloce per registrare eventi in attosecondi (un miliardesimo di un miliardesimo di secondo)', si legge nella motivazione.

Il lavoro della ricercatrice è stato finanziato dall'UE attraverso il progetto ALMA ('Attosecond control of light and matter'), che ha ricevuto una sovvenzione Advanced Grant del Consiglio europeo della ricerca (CER) di 2,25 Mio EUR.

Ogni anno, una giuria di 16 eminenti scienziati seleziona per i prestigiosi premi 5 scienziati donne di tutto il mondo. Le vincitrici, ognuna delle quali riceve 100.000 USD (circa 76.000 EUR), vengono scelte sulla base del contributo apportato dalla loro ricerca, la portata del loro impegno e il loro impatto sulla società. I premi del 2011 sono andati a donne attive nel campo delle scienze fisiche.

Il professor Ahmed Zewail del California Institute of Technology (Caltech) negli Stati Uniti, che ha vinto il Premio Nobel per la chimica nel 1999, è presidente della giuria dal 2007.

'È un grande piacere per me presiedere questa giuria e promuovere questo programma, che ha una grandissima importanza a livello internazionale,' ha commentato. 'Gli scienziati donne di tutto il mondo che ricevono i premi L'Oréal-UNESCO ci fanno sperare in un futuro migliore.'

La professoressa L'Huillier è la scienziata premiata per l'Europa. Nata in Francia, ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze fisiche presso l'Université de Paris VI. È stata quindi ricercatrice in Svezia e negli Stati Uniti, prima di ritornare in Francia nel 1986 dove le è stato assegnato un posto di ricercatrice presso la Commissione francese per l'energia atomica. Nel 1995 è tornata in Svezia, dove è docente di Fisica atomica presso l'Università di Lund dal 1997. Ha ricevuto innumerevoli premi ed è membro dell'American Physical Society e dell'Accademia delle scienze svedese.

È stata tra i primi scienziati a ricevere un finanziamento Advanced Grant del CER, nel 2008, per il suo lavoro sul controllo attosecondo di luce e materia. Gli impulsi di luce attosecondi vengono generati quando un fortissimo laser interagisce con un obiettivo gassoso. Questi brevi impulsi coerenti permettono agli scienziati di studiare processi elettronici nell'ordine di tempo a loro naturale.

Il progetto ALMA studia come processi elettronici elementari in atomi, molecole e sistemi più complessi possono essere controllati usando sequenze di impulsi attosecondi ben progettati.

Le colleghe premiate della professoressa L'Huillier vengono da tutto il mondo. La vincitrice per l'Africa e i Paesi Arabi è la professoressa Faiza Al-Kharafi dell'Università del Kuwait. Il suo lavoro sulla corrosione è molto importante per il trattamento dell'acqua e dell'olio industriale. La professoressa Vivian Wing-Wah Yam dell'Università di Hong Kong è la vincitrice per la regione Asia/Pacifico. Il premio è un riconoscimento del suo lavoro sui materiali che emettono luce e su modi innovativi di catturare l'energia solare.

Nelle Americhe, la professoressa Silvia Torres-Peimbert dell'Università di Città del Messico si è aggiudicata il premio per l'America Latina, per il suo lavoro sulla composizione chimica delle nebulose, fondamentale per capire le origini dell'universo. Infine, la professoressa Jillian Banfield dell'Università della California a Berkley, negli Stati Uniti, è stata premiata per il Nord America per il suo lavoro sul comportamento dei batteri e materiali in condizioni estreme.

Le cinque donne riceveranno i loro premi in occasione di una cerimonia presso la sede dell'UNESCO a Parigi a marzo del 2011.

Fonte: Consiglio europeo della ricerca (CER)

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-IDEAS : IDEE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea