• Condividi su Facebook

Sovvenzioni di avviamento del CER a tre leader emergenti nel mondo della ricerca

  • 27795
  • CORDIS - NEWS 20/09/2012
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA

Tre leader emergenti nel mondo della ricerca hanno ricevuto delle sovvenzioni di avviamento (Starting Grant) del Consiglio europeo della ricerca (CER) indirizzate a persone proprio come loro, che sono in procinto di creare un vero team di ricerca e di iniziare a condurre ricerche indipendenti in Europa.

Il programma è mirato a promettenti ricercatori che hanno il potenziale per diventare leader indipendenti nel mondo della ricerca. Gli scienziati, Fulvia Bono, capo del gruppo di ricerca presso l'Istituto Max Planck di biologia dello sviluppo, Wolfram Antonin e Michael Hothorn, entrambi a capo di gruppi di ricerca Max Planck presso il Laboratorio Friedrich Miescher a Tubinga in Germania, riceveranno ciascuno fino a 1,5 milioni di euro nel corso dei prossimi 5 anni per realizzare le loro idee di progetto, che sono state giudicate scientificamente eccellenti.

Le sovvenzioni di avviamento del CER mirano a supportare leader emergenti nel mondo della ricerca nelle prime fasi delle loro carriere, mentre conducono ricerche indipendenti in Europa.

Secondo le statistiche fornite dal CER, quest'anno si spenderanno 800 milioni di euro per conferire sovvenzioni di avviamento a 536 ricercatori in Europa. In tutta Europa 4741 scienziati hanno presentato domanda per queste sovvenzioni molto alte che vengono assegnate per proposte di ricerca scientificamente eccellenti. Le sovvenzioni di avviamento del CER rappresentano un'onorificenza personale per il singolo scienziato e forniscono finanziamenti per un massimo di 5 anni.

A partire dal 2011, Fulvia Bono è stata alla guida di un gruppo di ricerca indipendente all'Istituto Max Planck di biologia dello sviluppo dove studia il ruolo del trasporto intracellulare di macromolecole nelle regolazione dell'espressione genica. Adesso, grazie al finanziamento della sovvenzione di avviamento del CER, lei sarà in grado di estendere la propria ricerca anche allo studio del ruolo fondamentale che la corretta localizzazione del RNA messaggero (mRNA) nel citoplasma della cellula gioca durante lo sviluppo animale, nel mantenimento della polarità della cellula e nel funzionamento del sistema nervoso.

Il mRNA si combina con determinate proteine per formare delle particelle, i cosiddetti complessi mRNP. Nella Drosophila, il moscerino della frutta, la localizzazione di questi complessi determina la formazione dell'asse del corpo dell'embrione. Fulvia Bono vuole comprendere la funzione dei sistemi mRNP a livello meccanicistico e ottenere informazioni più approfondite sulla connessione tra geni e aspetto esterno degli organismi.

Con la sovvenzione del CER lei assumerà alcuni nuovi membri per il suo gruppo di ricerca. 'Con le maggiori risorse derivanti dalla borsa del CER, io sono in grado di accettare alcune sfide scientifiche più impegnative che altrimenti non avrei potuto prendere in considerazione,' ha detto. Fulvia Bono inizialmente ha ottenuto il suo dottorato di ricerca all'Università di Pavia nel 2000 e ha poi continuato la sua ricerca presso il Laboratorio europeo di biologia molecolare (EMBL) di Heidelberg per cinque anni. Dal 2008 al 2011 lei è stata leader di progetto all'Istituto Max Planck di biologia dello sviluppo.

Wolfram Antonin è stato capo di un gruppo di ricerca Max Planck al Laboratorio Friedrich Miescher a partire dal 2006. Il suo principale argomento di ricerca è stata la rottura dell'involucro nucleare, che separa il nucleo con il DNA dal citoplasma cellulare, nel processo della divisione cellulare e il suo riassemblaggio dopo la formazione delle cellule figlie. Con la sovvenzione di avviamento del CER egli potrà iniziare un progetto addizionale con vari nuovi membri del team e portare avanti il suo interesse riguardante la decondensazione del DNA.

Wolfram Antonin ha notato che mentre la ricostruzione del DNA è un processo studiato in profondità, poco si sa sulla decondensazione del DNA. 'Riteniamo possibile,' egli dice, 'che la decondensazione del DNA sia un processo passivo, come se venisse liberato un blocco attorno al filo del DNA e questo semplicemente si distendesse.' Tuttavia, gli esperimenti iniziali suggeriscono un processo attivo.

Wolfram Antonin desidera studiare questo processo e le proteine coinvolte. 'Questo è un progetto di ricerca ad alto rischio, poiché non possiamo dire nulla sul risultato. Ed è questa la cosa speciale delle sovvenzioni del CER, che i finanziatori credono nelle capacità degli scienziati e sovvenzionano promettenti idee di ricerca,' egli sottolinea.

Michael Hothorn ha costruito il suo gruppo di ricerca Max Planck al Laboratorio Friedrich Miescher a partire dall'inizio del 2012 e si concentra sulla biologia strutturale delle piante e sulle vie di trasduzione del segnale, in particolare nelle cellule delle piante. Con il finanziamento della sovvenzione di avviamento del CER egli potrà avviare un progetto addizionale alla ricerca dell'enzima responsabile della raccolta di polimeri fosfati nelle cellule delle piante. Il corrispondente enzima nei batteri è conosciuto già da molto tempo, tuttavia esso non esiste nelle cellule di organismi altamente organizzati, come piante o mammiferi.

'La funzione dei polimeri fosfati è misteriosa,' spiega Michael Hothorn. 'Si ipotizza che essi siano usati per immagazzinare fosfato nelle cellule e nei tessuti delle piante.' Il progetto potrebbe, in futuro, avere applicazioni nelle scienze agrarie poiché, attualmente, molte colture necessitano di fertilizzanti fosfati.

'Senza la sovvenzione del CER, non mi sarei potuto permettere un progetto di questo tipo e di queste dimensioni. I pochi risultati ottenuti nei nostri primi esperimenti non sarebbero stati sufficienti per i metodi tradizionali con cui si ottengono finanziamenti per la ricerca. La speranza del nostro progetto ad alto rischio è quella di scoprire qualcosa di fondamentalmente nuovo, tuttavia il pericolo è quello di ricevere dati separati che noi non siamo in grado di collegare,' ha commentato. Dopo aver ottenuto il suo dottorato presso il Laboratorio di europeo di biologia molecolare (EMBL) di Heidelberg nel 2006, Michael Hothorn ha condotto le sue ricerche presso il Salk Institute for Biological Studies a La Jolla prima di unirsi al Laboratorio Friedrich Miescher nel 2011.

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-IDEAS : IDEE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea