• Condividi su Facebook

Risultati della partecipazione italiana al bando PMI–Capacities 2013 del 7° Programma Quadro di RST

  • 29451
  • APRE 17/05/2013
  • RISULTATO

Identificativo del bando: FP7-SME-2013

  • Data di pubblicazione: 10/07/2012
  • Data di scadenza: 15/11/2012
  • Budget indicativo: € 255,96 milioni

Il 15 novembre 2012 si è chiusa l’ultimo bando del Programma. Nel bando 2013 sono state presentate 1364 proposte, distribuite tra le 4 Azioni e gli 8 Panel previsti, per una richiesta totale di finanziamento di € 1,7 miliardi:

 

Le 1364 proposte sono state valutate da un gruppo di 629 esperti indipendenti, di cui 72 italiani. 23 proposte sono state ritenute ineleggibili (1,7%).
Avendo superato la soglia minima di punteggio per ognuno dei tre criteri di valutazione, 467 proposte sono state considerate eleggibili (34,2%) o “above threshold”, mentre le restanti 874 proposte hanno “fallito” uno o più criteri di valutazione e quindi sono risultate “below threshold” (64,1%).
In questa prima fase, 213 proposte sono state invitate alla negoziazione (15,9% del totale) secondo la ripartizione sopra citata, per una richiesta di finanziamento di € 262,34 milioni.
Passando a un’analisi più focalizzata sulla partecipazione italiana, i grafici sottostanti mostrano che l’Italia è al terzo posto per quanto riguarda il numero di partner nelle proposte presentate (1109), mentre scende al quarto posto per quanto riguarda il numero di partner presenti nelle proposte invitate alla negoziazione (170). La partecipazione italiana, considerando sia i coordinatori che i partner, è suddivisa nelle tre attività principali del bando secondo quanto segue: 

  • Research for SMEs: 842 partecipanti con un tasso di successo del 13,6%
  • Research for SMEs Associations: 191 partecipanti con un tasso di successo del 17,8%
  • Demonstration Activity: 76 partecipanti con un tasso di successo del 27,6%

115 degli 842 partecipanti italiani delle proposte presentate saranno invitati alla negoziazione (13,65%) con un contributo richiesto di € 14,99 milioni. L’Italia si classifica al terzo posto per numero di partecipanti nelle proposte presentate e al quarto per gli invitati alla negoziazione, seguendo Spagna, Regno Unito e Germania.

34 dei 191 partecipanti italiani delle proposte presentate saranno invitati alla negoziazione (17,8%) con un contributo richiesto di € 5,30 milioni. L’Italia si classifica al terzo posto per numero di partecipanti nelle proposte presentate e al quarto per gli invitati alla negoziazione, seguendo Spagna, Regno Unito e Germania.

 21 dei 76 partecipanti italiani delle proposte presentate saranno invitati alla negoziazione (27,63%) con un contributo richiesto di € 3,40 milioni. L’Italia si classifica al terzo posto per numero di partecipanti sia nelle proposte presentate che in quelle invitate alla negoziazione, seguendo la Spagna e la Regno Unito. Per quanto riguarda il ruolo di coordinatore, il contributo italiano nelle proposte inviate alla negoziazione ammonta a € 5,7 milioni. I grafici sottostanti mostrano la ripartizione nelle tre differenti attività.

12 delle 132 proposte a coordinamento italiano saranno invitate alla negoziazione con un contributo richiesto di € 3,76 milioni. L’Italia si classifica al quarto posto per numero di coordinatori invitati alla negoziazione e per numero di proposte presentate a coordinamento italiano, seguendo la Spagna (con 278 coordinatori, di cui 28 invitati alla negoziazione), Regno Unito (con 168 coordinatori, di cui 24 invitati alla negoziazione) e Danimarca (con 95 coordinatori, di cui 15 invitati alla negoziazione).

3 delle 15 proposte a coordinamento italiano saranno invitate alla negoziazione con un contributo richiesto di € 0,99 milioni. L’Italia si classifica al terzo posto per numero di coordinatori invitati alla negoziazione e per numero di proposte presentate a coordinamento italiano, seguendo la Spagna (con 57 coordinatori, di cui 9 invitati alla negoziazione) e il Belgio (con 20 coordinatori, di cui 8 invitati alla negoziazione).

3 delle 20 proposte a coordinamento italiano saranno invitate alla negoziazione con un contributo richiesto di € 0,97 milioni. L’Italia, così come il Regno Unito e la Germania, avrà 3 coordinatori invitati alla negoziazione, seguendo la Spagna (7 proposte). I grafici sottostanti mostrano dati di estremo interesse in merito alla partecipazione italiana negli 8 Panel tematici.

Partecipazione italiana che, nel coordinamento, trova valori di rilievo nei quattro Panel Agricoltura, Energia/Trasporti, Costruzioni e Processi. Tra i partecipanti italiani nelle proposte in negoziazione ed in riserva sono presenti 26 soci APRE, di cui 4 coordinatori e 22 partner.

 

Quadro di finanziamento
  • 7FP-SME : RICERCA A FAVORE DELLE PMI nell'ambito del programma specifico “Capacità” recante attuazione del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea