• Condividi su Facebook

Adattamento al cambiamento climatico: necessari gli investimenti strutturali e il coinvolgimenti dei singoli cittadini

  • 48734
  • Science|Business 06/10/2020
  • INFORMAZIONE

L'adattamento al cambiamento climatico è una delle cinque missioni di ricerca di Horizon Europe, e rappresenterà un test per verificare la reale capacità dell'Europa di affrontare tematiche sociali, secondo quanto sostenuto in una recente intervista dall'ex commissario europeo per l'azione per il clima Connie Hedegaard, attualmente a capo del Mission Board.

Per raggiungere l'obiettivo definito dalla missione sarà necessario coinvolgere numerosi settori nel campo della ricerca e lavorare congiuntamente nella fase di implementazione. 

Un anno fa, la Commissione Europea ha chiesto a 15 esperti, guidati da Hedegaard, di elaborare una route map per la missione, che indichi come garantire che le catene alimentari, gli edifici, i trasporti e i sistemi di governance possano essere resi resistenti di fronte ai cambiamenti climatici, e per prepararsi a futuri disastri climatici, come gli incendi boschivi e la siccità. Il Board suggerisce un approccio su tre fronti: assistere le comunità e le regioni nella comprensione, nella preparazione e nella gestione dei rischi climatici; selezionare e sostenere 200 comunità e regioni nella definizione di target specifici e tracciare un percorso per raggiungerli; utilizzare 100 dimostratori di resilienza in tutta Europa. I dimostratori di una regione possono informare un'altra regione che sta affrontando lo stesso problema, ma affinché il trasferimento di conoscenze avvenga, è necessario attuare una condivisione strategica dei dati. Questo è un settore in cui l'Europa non è ancora all'avanguardia.

Per avere successo, la missione ha bisogno di strutture chiare, con tutte le 200 regioni e comunità partner che istituiscono piattaforme di governance locale attraverso le quali possano guidare sistematicamente il cambiamento. Ogni regione deve escogitare un modo per facilitare la condivisione delle conoscenze, consentendo ai diversi attori pubblici e privati di definire le loro proposte per partecipare alla missione. Queste proposte dovranno comprendere le sfide locali del cambiamento climatico di ogni regione e specificare le innovazioni necessarie per aiutarla ad affrontarle.

Per dare il via al processo, Hedegaard afferma che la commissione dovrebbe selezionare le 200 regioni partecipanti nei prossimi sei mesi. La commissione dovrà tradurre le idee provenienti da queste piattaforme in call for research nell'ambito di Horizon Europe. 

L'impegno e il coinvolgimento dei cittadini avranno un ruolo cruciale: le singole persone dovranno agire come innovatori locali e rispondere alle sfide locali. Il coinvolgimento dei cittadini avrà anche un ruolo nel cambiamento dei comportamenti, assolutamente necessario per favorire l'adatattamento ad un clima in continuo mutamento.

I piani della missione sono esposti nel Report del Board, consegnato alla Commissione europea due settimane fa. Ora la Commissione dovrà valutare i piani, assegnare un budget, gli strumenti e decidere formalmente di adottare la missione entro dicembre.

Link
Quadro di finanziamento
Area di interesse
  • Unione Europea