• Condividi su Facebook

Covid-19: la Commissione annuncia ulteriori misure di preparazione e risposta alla nuova fase di emergenza

  • 48964
  • VARIE - UE 28/10/2020
  • INFORMAZIONE

A fronte dell'aumento allarmante dei contagi da Covid-19 in tutta Europa, il 28 ottobre 2020 la Commissione europea ha varato una nuova serie di azioni volte ad aumentare gli sforzi per limitare la diffusione del virus, al fine di salvare vite umane e rafforzare la resilienza del mercato interno.

La Comunicazione della Commissione presenta le prossime tappe in 8 settori chiave:

  1. Migliorare il flusso di informazioni per decisioni informate: maggiore collaborazione tra Stati per condividere dati tempestivi, accurati e completi per monitare e gestire la diffusione del virus.
  2. Introduzione di test rapidi e più efficaci: la Commissione adotta una raccomandazione sulle strategie di test per il Covid-19, compreso il ricorso a test antigenici rapidi, invitando gli Stati membri a presentare entro metà novembre le proprie strategie nazionali. Inoltre vengono mobilitati 100 milioni di euro attraverso l'Emergency Support Instrument per acquistare direttamente test antigenici rapidi e consegnarli agli Stati membri
  3. Utilizzo ottimale delle app di tracciamento dei contatti e di allerta a livello transfrontaliero: la Commissione ha recentemente varato una soluzione per collegare le app nazionali di tracciamento in tutta l'UE attraverso un servizio di gateway federativo europeo. Il collegamento ha interessato per prime tre app di Germania, Irlanda e Italia e molte altre si aggiungeranno nelle prossime settimane.
  4. Vaccinazione efficace: la Commissione sta negoziando accordi con i produttori di vaccini affinché vengano messi a disposizione della popolazione non appena ne siano state dimostrate la sicurezza e l'efficacia. Il 15 ottobre sono stati stilati i principali passi che gli Stati membri devono compiere per elaborare strategie nazionali di vaccinazione efficaci. Nelle prossime settimane la Commissione svilupperà un quadro comune per le segnalazioni e una piattaforma per monitorare l'efficacia di tali strategie.
  5. Comunicazione efficace con i cittadini: tutti gli Stati membri dovrebbero rilanciare le campagne di comunicazione contro informazioni false, fuorvianti e pericolose soprattutto per garantire la fiducia dei cittadini in materia di vaccini e per far fronte al rischio della "stanchezza da pandemia".
  6. Garantire forniture essenziali: la Commissione ha lanciato un nuovo appalto congiunto per le attrezzature mediche per la vaccinazione e ha annunciato la proroga della sospensione dei dazi doganali e dell'IVA sull'importazione di attrezzature mediche da paesi terzi. La Commissione propone inoltre che gli ospedali e i medici non debbano versare l'IVA sui vaccini e sui kit per i test anti-covid.
  7. Favorire la sicurezza degli spostamenti: le misure includono un approccio coordinato degli Stati membri alla limitazione della libertà di circolazione nell'area Schengen, un protocollo di test per i viaggiatori utilizzato dalle autorità sanitarie pubbliche, dalle compagnie aeree e negli aeroporti e un approccio comune alle pratiche di quarantena, la sperimentazione di un unico modulo digitale UE per la localizzazione dei passeggeri e un maggiore contributo da parte dei paesi all'aggiornamento del portale Re-open EU affinché diventi sportello unico per le informazioni sulle misure sanitarie e sulle possibilità di spostamento in tutta l'UE
  8. Estensione delle corsie verdi per garantire il passaggio delle merci alle frontiere in meno di 15 minuti, al fine di salvaguardare l'approvvigionamento di merci e il tessuto economico dell'UE.

Il 29 ottobre si è svolta la riunione virtuale tra i leader europei sul coordinamento in risposta alla pandemia. 

Link
Area di interesse
  • Unione Europea