• Condividi su Facebook

Horizon Europe: si concretizza sempre più l'esclusione dei paesi terzi dai progetti quantistici e spaziali

  • 51247
  • Science|Business 24/05/2021
  • INFORMAZIONE

La Commissione europea ha ribadito la necessità di limitare l’accesso dei paesi terzi ai progetti quantistici e spaziali nell’ambito di Horizon Europe. 

In particolare, le restrizioni riguardano principalmente Israele, Regno Unito e Svizzera. Tuttavia, anche Norvegia e Islanda potranno essere escluse da una serie di aree di ricerca spaziale.

Rispetto alla proposta iniziale, il nuovo piano dell’UE ha ridotto le aree di esclusione e limiterà la partecipazione di paesi non-UE a 49 azioni nel programma di lavoro di Horizon Europe 2021-2022. 

Tuttavia, la nota dell’UE non esclude ancora totalmente la partecipazione di partner vicini a progetti ritenuti sensibili, a condizione che si possano soddisfare criteri specifici, tra cui che tale partecipazione non presenti un rischio per beni strategici, interessi, autonomia e sicurezza dell'Unione

Infatti, i funzionari europei ritengono che le esclusioni siano necessarie affinché l'UE possa proteggere la ricerca in settori in rapido sviluppo. I critici di questa posizione ritengono invece che la proposta dell’UE di escludere i partner più stretti dai progetti provocherebbe sfiducia nella comunità scientifica e ridurrebbe significativamente il valore aggiunto di Horizon Europe. 

L'intero dibattito, in corso da mesi, è tra le cause del ritardo del lancio dei bandi di Horizon Europe.

Link
Quadro di finanziamento
Area di interesse
  • Unione Europea