• Condividi su Facebook

Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.)

  • 8117
  • GAZZETTA UFFICIALE ITALIANA 25/11/2003
  • LEGISLAZIONE
Ministero dell'economia e delle Finanze - Decreto 10 ottobre 2003 Il Ministro dell'economia e delle finanze decreta: Art. 1. 1. A decorrere dal 1° gennaio 2003 le agevolazioni di competenza del Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca (di seguito: «;MIUR»;) a valere sulle risorse del Fondo per le agevolazioni alla ricerca (di seguito: «;FAR»;), come individuato con il decreto ministeriale citato nelle premesse, anche se relative a domande presentate antecedentemente a tale data, sono concesse secondo i criteri e le modalita' stabilite dalle disposizioni di cui agli articoli seguenti. Art. 2. 1. Le agevolazioni ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica dell'8 agosto 1997, n. 954, dell'art. 4 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica del 3 ottobre 1997, n. 629, e degli articoli 5, 6, 7, 9, 10 e 12 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica dell'8 agosto 2000, n. 593, sono concesse secondo le seguenti forme e misure e comunque nel rispetto dei limiti previsti dalla vigente disciplina comunitaria sugli aiuti di stato alla ricerca, pari al 50% in equivalente sovvenzione lorda (di seguito: «;ESL»;) per le attivita' di ricerca industriale e al 25% in ESL per le attivita' di sviluppo precompetitivo: a) per quanto riguarda i costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di ricerca industriale, l'agevolazione viene concessa nelle seguenti forme: 1) 20% dei costi riconosciuti nella forma del contributo nella spesa; 2) 75% dei costi riconosciuti nella forma del credito agevolato; b) per quanto riguarda i costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di sviluppo precompetitivo, l'agevolazione viene concessa nelle seguenti forme: 1)10% dei costi riconosciuti nella forma del contributo nella spesa; 2) 70% dei costi riconosciuti nella forma del credito agevolato. 2. Per ciascuna delle tipologie di attivita' di cui al comma 1, possono essere concesse le seguenti ulteriori agevolazioni, nella forma del contributo nella spesa, secondo le sottoelencate percentuali sui costi ammissibili e, comunque, fino ad un massimo del 25%: a) 10% per progetti di ricerca presentati da piccole e medie imprese (P.M.I), cosi' come definite dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alle imprese. A tal fine, in caso di progetti proposti congiuntamente da piu' imprese, tutte quante devono possedere i requisiti previsti; b) 10% per le attivita' di ricerca da svolgere nelle regioni di cui all'art. 87, paragrafo 3, lettera a) del Trattato di Amsterdam; c) 5% per le attivita' di ricerca da svolgere nelle regioni di cui all'art. 87, paragrafo 3, lettera c) del Trattato di Amsterdam; d) 10% per i progetti per i quali ricorra almeno una delle seguenti condizioni: 1) prevedano lo svolgimento di una quota di attivita' non inferiore al 10% dell'intero valore del progetto stesso da parte di uno o piu' partner di altri Stati membri della UE, purche' non vi siano rapporti di partecipazione azionaria o di appartenenza al medesimo gruppo industriale tra l'impresa richiedente e il partner estero; 2) prevedano lo svolgimento di una quota di attivita' non inferiore al 10% dell'intero valore del progetto stesso da parte di enti pubblici di ricerca e/o universita'. 3. Ai fini del rispetto dei limiti di cui al comma 2, per i costi delle attivita' da svolgersi nelle regioni di cui alla lettera b) dello stesso comma, il cumulo con le ulteriori agevolazioni ivi indicate non puo' superare il limite del 25% dei costi ammissibili. 4. Ai fini del rispetto dei limiti previsti dalla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alla ricerca, la quota di agevolazione aggiuntiva di cui al comma 2 comporta una corrispondente riduzione della quota di credito agevolato. Art. 3. 1. Le agevolazioni di cui all'art. 2, in caso di progetti che ricomprendano costi per attivita' da svolgersi, per almeno il 75% del totale, nelle aree del territorio nazionale afferenti alle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, sono concesse secondo le seguenti forme e misure e comunque nel rispetto dei limiti previsti dalla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alla ricerca, pari al 50% in ESL, per le attivita' di ricerca industriale e al 25% in ESL per le attivita' di sviluppo precompetitivo: a) per quanto riguarda i costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di ricerca industriale, l'agevolazione viene concessa nelle seguenti forme: 1) 25% dei costi riconosciuti nella forma del contributo nella spesa; 2) 75% dei costi riconosciuti nella forma del credito agevolato; b) per quanto riguarda i costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di sviluppo precompetitivo, l'agevolazione viene concessa nelle seguenti forme: 1) 10% dei costi riconosciuti nella forma del contributo nella spesa; 2) 70% dei costi riconosciuti nella forma del credito agevolato. 2. Per ciascuna delle tipologie di attivita' di cui al comma 1, possono essere concesse, nelle stesse forme e misure, le ulteriori agevolazioni di cui ai commi 2, 3 e 4 dell'art. 2. Art. 4. 1. Le agevolazioni ai sensi dell'art. 5 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica dell'8 agosto 1997, n. 954, dell'art. 5 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica del 23 ottobre 1997, n. 629, e dell'art. 8 del decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica dell'8 agosto 2000, n. 593, sono concesse secondo le seguenti forme e misure e comunque nel rispetto dei limiti previsti dalla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alla formazione «;generale»;: a) 25% dei costi riconosciuti, nella forma del contributo nella spesa; b) 70% dei costi riconosciuti, nella forma del credito agevolato. 2. Possono essere concesse le seguenti ulteriori agevolazioni, nella forma del contributo nella spesa, secondo le sottoelencate percentuali sui costi ammissibili: a) 20% per i progetti di formazione proposti da PMI; b) 10% per le attivita' di formazione da svolgersi nelle aree ammesse alla deroga ai sensi dell'art. 87.3, lettera a), del Trattato di Amsterdam; c) 5% per le attivita' di formazione da svolgersi nelle aree ammesse alla deroga ai sensi dell'art. 87.3, lettera c), del Trattato di Amsterdam. 3. Ai fini del rispetto dei limiti previsti dalla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alla formazione «;generale»;, la quota di agevolazione aggiuntiva di cui al comma 2 comporta una corrispondente riduzione della quota credito agevolato. Art. 5. 1. Il tasso di interesse da applicare ai finanziamenti agevolati di cui agli articoli 2, 3 e 4 e' fissato nella misura dello 0,5% fisso annuo. La durata dei finanziamenti e' stabilita in un periodo non superiore a dieci anni a decorrere dalla data di concessione, comprensivo di un periodo di preammortamento e utilizzo fino a un massimo di cinque anni. Art. 6. 1. In caso di progetti proposti congiuntamente, ai sensi dei commi 3 e 4 dell'art. 5 del decreto ministeriale dell'8 agosto 2000, n. 593, l'agevolazione nei confronti delle universita' pubbliche e degli enti pubblici di ricerca, ivi compresi Enea e Asi, viene concessa dal MIUR nella forma del contributo nella spesa e nelle seguenti misure: a) 50% dei costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di ricerca industriale; b) 25% dei costi giudicati ammissibili riferibili alle attivita' di sviluppo precompetitivo; c) le ulteriori agevolazioni di all'art. 2, comma 2, sono concesse nel rispetto delle misure ivi indicate e nella forma del contributo nella spesa. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano, altresi', alle domande di finanziamento proposte dai consorzi o societa' consortili di cui all'art. 5, comma 1, lettera e), del decreto ministeriale n. 593 dell'8 agosto 2000, purche' senza fini di lucro e caratterizzati da una partecipazione societaria di universita' o enti pubblici di ricerca, ivi compresi Enea ed Asi, non inferiore al 50%. Art. 7. 1. Per quanto non disciplinato dal presente decreto continuano ad applicarsi le disposizioni recate dai decreti del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica richiamati nelle premesse. Tali disposizioni continuano, altresi', ad applicarsi nel caso in cui l'utilizzo delle risorse nazionali concorra al completo utilizzo delle risorse dei fondi strutturali dell'Unione europea. Art. 8. 1. Al fine di verificare la corretta osservanza delle disposizioni di cui all'art. 72 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, le agevolazioni concesse dal MIUR a valere sulle risorse del FAR formeranno oggetto di una relazione annuale da trasmettere al Ministero dell'economia e delle finanze
Referente
Link
Identificativo dell'invito
Quadro di finanziamento
  • DM 593/00 Art.9 : Progetti autonomamente presentati da realizzarsi in centri nuovi o da ristrutturare, con connesse attività di formazione del personale di ricerca
  • DM 593/00 Art.6 : Progetti autonomamente presentati di importo superiore a 7,5 Meuri per la realizzazione di attività di ricerca in ambito nazionale.
  • DM 593/00 Art.10 : Progetti autonomamente presentati per il riorientamento ed il recupero di competitività di strutture di ricerca industriale, con connesse attività di formazione del personale di ricerca.
  • DM 593/00 Art.5 : Progetti autonomamente presentati per la realizzazione di attività di ricerca in ambito nazionale
  • DM 593/00 Art.7 : Progetti autonomamente presentati per la realizzazione di attività di ricerca nell'ambito di programmi o di accordi intergovernativi di cooperazione.
  • DM 593/00 Art.12 : Progetti di ricerca e formazione in conformità a bandi emanati dal MIUR per la realizzazione di obiettivi specifici.
  • Dlgs 297/99 : Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilità dei ricercatori
Area di interesse
  • Territorio nazionale
Stanziamento in euro