• Condividi su Facebook

Il progetto ALERT punta su TIC per la farmacovigilanza

  • 17433
  • CORDIS - NEWS 06/03/2008
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA

Un nuovo progetto in materia di tecnologia dell'informazione e della comunicazione (TIC), finanziato dall'UE, sta trattando alcune questioni relative alla farmacovigilanza sui farmaci di nuovo sviluppo. Nel corso dei prossimi tre anni e mezzo, i partner del progetto ALERT ('Rilevamento preventivo di eventi farmacologici avversi, attraverso uno studio incrociato di cartelle cliniche e conoscenze biomediche') collaboreranno alla messa a punto di un innovativo sistema informatico per un più efficace e rapido rilevamento di reazioni avverse da farmaci (ADR).

Attualmente si utilizzano i cosiddetti sistemi di denuncia spontanea, quando si presentano effetti collaterali di farmaci già commercializzati. Il personale clinico è responsabile dell'individuazione e della denuncia di tali effetti collaterali. 'Una serie di problematiche attuali sulla farmacovigilanza, ampiamente pubblicizzate, ha evidenziato che talvolta gli effetti indesiderati da farmaci sono identificati troppo tardi, quando ormai milioni di pazienti sono stati già esposti al farmaco,' osserva il consorzio di ricerca.

ALERT si prefigge di ottimizzare questo sistema, analizzando i dati estrapolati dai fascicoli sanitari personali (EHR) di oltre 30 milioni di pazienti nei Paesi Bassi, in Danimarca, nel Regno Unito, in Spagna e in Italia, mediante l'applicazione di diverse tecniche informatiche. Queste tecniche, tra cui anche il text mining e l'elaborazione statistico-epidemiologica, consentiranno di elaborare informazioni partendo dai dati raccolti, e di individuare 'segnali', quali le combinazioni di farmaci e ADR sospette, che richiedono un'ulteriore approfondimento.

Il progetto ALERT si concentrerà, in particolar modo, sugli effetti collaterali dei farmaci nell'infanzia, visto che sono relativamente scarse le nostre conoscenze su questo argomento per quanto riguarda i bambini, che costituiscono peraltro una categoria particolarmente vulnerabile della popolazione. Inoltre, il team di ricerca interdisciplinare cercherà di identificare un modo per distinguere i segnali che rilevano un'autentica ADR dai segnali spuri, che potrebbero addirittura portare al ritiro dal mercato di un farmaco effettivamente efficace. Ai fini di questa distinzione, i ricercatori del progetto ALERT cercheranno di individuare una spiegazione biologica per ogni segnale, comparando l'effetto collaterale con conoscenze aggiornate sui meccanismi biologici. I risultati saranno poi ulteriormente corroborati attraverso simulazioni e modelli al computer.

I partner del progetto sottolineano il carattere continuativo del processo su cui è basato questo tipo di analisi: 'Man mano che si moltiplicano i dati clinici disponibili e che si espandono le conoscenze mediche, biologiche e molecolari, occorrerà rivalutare progressivamente le conclusioni precedentemente formulate. Per poter gestire questo costante processo di revisione, ALERT farà affidamento, per quanto possibile, su procedure automatizzate'.

Il progetto ALERT coinvolge complessivamente 18 partner di otto paesi ed è coordinato dal Centro Medico dell'Università Erasmus di Rotterdam, Paesi Bassi Il costo del progetto ammonta approssimativamente a 5,9 Mio EUR, dei quali 4,5 Mio EUR sono coperti dal Settimo Programma Quadro dell'UE (7PQ)

Fonte: Fondazione IMIM (Fundació Institut Municipal d'Investigació Mèdica), Barcellona

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-COOPERATION : COOPERAZIONE: programma specifico del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
  • 7FP-ICT : TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: priorità tematica 3 nell'ambito del programma specifico “Cooperazione” recante attuazione del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
  • 7FP : VII PROGRAMMA QUADRO DELLA COMUNITA' EUROPEA PER LE ATTIVITA' DI RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E DIMOSTRAZIONE
Area di interesse
  • Unione Europea