• Condividi su Facebook

Museo 3D: pronti per il lancio

  • 20966
  • CORDIS - NEWS 05/11/2009
  • ATTUAZIONE DI PROGRAMMA

logoUn interessante progetto finanziato dall'Unione europea utilizza la tecnologia grafica computerizzata 3D (tridimensionale) per creare un archivio digitale delle collezioni museali, in modo tale da consentire a tutti di vedere immagini tridimensionali - che sarà possibile ruotare di 360° - delle opere d'arte sparse in tutto il mondo.

Il progetto 3D-COFORM ('Tools and expertise for 3D Collection Formation') ha ricevuto un finanziamento di 8,45 milioni di euro in riferimento alla tematica dedicata alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione del Settimo programma quadro (7° PQ).

Esso riunisce 19 partner europei e nordafricani tra università, istituti di ricerca e prestigiose organizzazioni per la tutela del patrimonio culturale, tra le quali il Victoria and Albert Museum di Londra (Regno Unito), il Louvre di Parigi (Francia) e il Museo dei Fori Imperiali di Roma (Italia).

Coordinati dall'Università di Brighton (Regno Unito), i partner di 3D-COFORM mirano a istituire un archivio digitale di tutte le opere d'arte contenute nei musei e un archivio virtuale che riunisca opere provenienti da tutto il mondo. L'archiviazione digitale di opere di tutte le tipologie e dimensioni, schiuderà innumerevoli possibilità per i visitatori, che avranno modo di vedere le più note sculture mediante immagini tridimensionali rotabili o di fare una passeggiata virtuale all'interno di un antico tempio.

Questa nuova tecnologia sarà particolarmente utile ai ricercatori. Per esempio, per storici, antropologi e restauratori sarà molto più semplice studiare le opere d'arte. Le collezioni museali sono sempre state archiviate nei cataloghi cartacei, ma l'archiviazione tridimensionale fornirà vantaggi significativi rispetto a questo tipo di pubblicazioni: permetteranno, infatti, una rotazione a 360° delle opere e forniranno una quantità di informazioni sulle stesse - sullo stile, sul colore e sulle condizioni in cui versa la superficie - significativamente maggiore.

'Tuttavia, siamo ancora lontani dal poter collegare in modo accurato i dati 3D tra i diversi oggetti', ha affermato il dottor André Stork, a capo del dipartimento della ricerca per la grafica computerizzata dell'Istituto Fraunhofer di Darmstadt, in Germania, partner del consorzio 3D-COFORM.

Il dottor Stork e il suo team di ricerca stanno lavorando alla messa a punto di modelli tridimensionali degli oggetti che appartengono alla collezione dello stesso Istituto Fraunhofer e alla loro elaborazione per il trasferimento nel nuovo archivio digitale. 'Uno scanner 3D è fondamentalmente una sorta di 'velo' che riporta i punti misurati. Poi è necessaria un'ulteriore elaborazione per mappare l'oggetto in modo adeguato', ha spiegato il dott. Stork.

Il team di ricerca del progetto 3D-COFORM sta ora lavorando allo sviluppo di specifiche di calcolo che permetteranno di riportare in modo accurato i dettagli degli oggetti misurati sui modelli 3D. A questo scopo, il nuovo software deve essere in grado di riconoscere le caratteristiche specifiche di un'opera, come ad esempio le braccia e le gambe di una scultura o il motivo decorativo di un vaso. Il software deve inoltre essere in grado di riprodurre l'oggetto fedelmente; ovvero, deve riuscire a riprodurne ogni aspetto, ad esempio, anche l'ombra proiettata da un edificio.

Link
Quadro di finanziamento
  • 7FP-ICT : TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: priorità tematica 3 nell'ambito del programma specifico “Cooperazione” recante attuazione del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione
Area di interesse
  • Unione Europea