• Condividi su Facebook

Horizon Europe: i prossimi passi per la definizione del futuro programma quadro UE per la ricerca e l'innovazione

  • 44373
  • VARIE - UE 26/03/2019
  • INFORMAZIONE

Nonostante lo scorso 20 marzo le istituzioni UE abbiano raggiunto un primo accordo su Horizon Europe, diverse questioni chiave restano ancora sospese, tra cui il budget, la partecipazione dei paesi terzi e le nuove missioni.

Una risoluzione definitiva su questi temi potrebbe essere raggiunta nel corso dei prossimi 18 mesi, dato che è necessaria una convergenza tra tre questioni fondamentali: il quadro legislativo, il bilancio UE a lungo termine e la pianificazione strategica di alcuni dettagli chiave, come cluster, missioni, partenariati e European Innovation Council.

Marzo-aprile 2019: approvazione dell'accordo su Horizon Europe

L’accordo raggiunto il 20 marzo tratta in modo quasi esaustivo la legislazione di Horizon Europe a eccezione del budget e della partecipazione dei paesi terzi, tuttavia esso deve ancora passare al vaglio del Consiglio e del Parlamento. Nelle prossime settimane l’accordo sarà sottoposto a ben 3 votazioni. La prima votazione al COREPER I (il comitato dei rappresentanti permanenti dei governi degli Stati membri dell'Unione europea) si è tenuta il 27 marzo 2019 ed ha approvato l’accordo provvisorio su Horizon Europe chiuso in trilogo martedì scorso. E' dunque ora disponibile il testo di compromesso ufficiale. Poi sarà la volta del comitato ITRE del Parlamento, il cui voto è previsto il 2 aprile. Infine, il Parlamento nel suo insieme deve approvare l'accordo nella sua riunione plenaria a Strasburgo, prevista tra il 15 e il 18 aprile. La legislazione finale, tuttavia, non sarà adottata fino al prossimo anno, dopo la definizione del bilancio.

Fine 2019-2020: gli Stati membri devono superare la situazione di stallo del bilancio

Dal nuovo bilancio europeo di lungo periodo dipende anche Horizon Europe: la Commissione ha proposto una dotazione di 94,1 miliardi di € per Horizon Europe, a fronte dei 77 riservati all'attuale Horizon 2020. Il Parlamento vorrebbe aumentarla ulteriormente a 120 miliardi ma incontra la resistenza del Consiglio, rappresentante degli interessi dei singoli Stati membri. La questione dovrà andare di pari passo con l’approvazione del futuro bilancio complessivo UE 2021-2027, che deve avvenire con l'unanimità di tutti gli stati membri, per cui difficilmente si raggiungerà un accordo entro fine 2019. Il commissario per il bilancio Günther Oettinger spera in un accordo a ottobre.

La partecipazione dei paesi terzi dipende dai negoziati sul bilancio

I paesi non UE che possono partecipare a Horizon Europe saranno stabiliti insieme al Quadro Finanziario Pluriennale, perché i legislatori vogliono che le regole per le associazioni straniere siano più o meno coerenti tra i diversi programmi.

I paesi attualmente associati includono Svizzera, Norvegia e Israele. L'associazione prevede che i paesi extra UE paghino una quota di associazione per partecipare ad Horizon 2020 allo stesso titolo degli stati membri dell'UE, mentre i ricercatori dipaesi non associati, come il Canada e gli Stati Uniti, possono partecipare ai progetti a patto che contribuiscano autonomamente (o siano finanziati dal proprio stato membro, in base ad accordi bilaterali specifici).

Tra i fattori che influenzeranno i negoziati c'è la Brexit, un dibattito nazionale in Svizzera su un nuovo accordo che governa le sue relazioni con l'UE e le prossime elezioni europee, che alcuni analisti ritengono possa fornire un Parlamento più di destra rispetto a quello che abbiamo adesso. Se tale previsione si rivelerà corretta, il Parlamento europeo potrebbe assumere una visione più prudente della spesa di denaro europeo al di fuori dell'Europa.

E a pochi giorni da quello che doveva essere il giorno della Brexit, non sono ancora note le condizioni per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea.

La Svizzera, d'altro canto, ha negoziato un nuovo accordo quadro che disciplina gran parte delle sue relazioni con l'UE e ha sottoposto la questione a una consultazione nazionale che potrebbe portare a un referendum. I ricercatori svizzeri temono che se l'accordo non verrà ratificato entro la fine del 2020, la Commissione li escluderà da tutti i programmi, compreso Horizon Europe.

La pianificazione strategica arricchirà i dettagli chiave di Horizon Europe nel 2019

Dopo il raggiungimento dell'accordo del 20 marzo sul testo di Horizon Europe, la Commissione deve ora iniziare a lavorare sulla pianificazione strategica per definire temi rilevanti come le missioni e quali imprese saranno in grado di partecipare alle partnership.

La pianificazione strategica è separata dalla legislazione principale. La Commissione presenterà le bozze al Consiglio, che li approverà o li rinvierà per un'ulteriore revisione.

La cronologia è ancora confusa, ma le fonti della Commissione suggeriscono che le prime bozze dei documenti di pianificazione strategica di Horizon Europe inizieranno a comparire in estate, sperando che il Consiglio adotti le versioni definitive verso la fine dell'anno. 

Prima di ciò, probabilmente entro le prossime settimane, la Commissione presenterà i primi inviti a manifestare interesse da parte di coloro che desiderano partecipare ai comitati consultivi per le missioni. I consigli stessi e le associazioni selezionate per contribuire alla creazione di partenariati intergovernativi o pubblico-privato probabilmente non saranno nominati fino al 2020.

Le missioni sono un nuovo strumento destinato a concentrare i finanziamenti per la ricerca su particolari problemi, come il cancro e l'inquinamento degli oceani. Le partnership sono simili, ma gli argomenti sono molto più ampi e verranno gestiti utilizzando diversi modelli di collaborazione pubblico-privato o intergovernativa. La legislazione di Horizon Europe definisce gli argomenti, ma in realtà non definisce le missioni e le partnership stesse. La pianificazione strategica lo farà.

European Innovation Council 

Inoltre, nel prossimo anno dovranno essere risolte altre questioni connesse al Consiglio europeo per l'innovazione, che intende mantenere la promessa di investire in piccole imprese tecnologiche. L'EIC è un nuovo organismo volto ad aiutare le piccole imprese tecnologiche europee a decollare, in particolare attraverso investimenti azionari (equity).

Attualmente nella sua fase pilota, l’EIC diventerà una realtà a tutti gli effetti dal 2021 nell'ambito di Horizon Europe. Il 18 marzo scorso, la Commissione europea ha annunciato le nuove misure a supporto dell’innovazione nell'ambito dello European Innovation Council (EIC). In particolare tramite l'accelerator (SME Instrument) le imprese più innovative potranno accedere a finanziamenti misti (sovvenzioni e equity) fino a 15 milioni di euro. La componente azionaria non può tuttavia decollare finché la Commissione e la Banca europea per gli investimenti (BEI) non istituiscono un'entità giuridica separata che gestisca gli investimenti. La creazione e la forma dello Special Purpose Vehicle richiederà un po 'di tempo, in quanto non è ancora chiaro quale forma assumerà o quale giurisdizione sarà costituita.

Fonti della Commissione dicono che sperano di iniziare ad accettare le domande di "finanza mista" nell'ambito dello EIC combinando le sovvenzioni con strumenti di equity a giugno e di iniziare a valutarle a settembre. Ciò significa, idealmente, che l'EIC dovrebbe essere attivo e funzionante entro l'inverno del 2019.

Link
Quadro di finanziamento
  • HorizonEU : Horizon Europe - il 9° Programma Quadro di Ricerca e Innovazione
Area di interesse
  • Unione Europea