NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

Sostegno per uno sviluppo coerente delle politiche: programma specifico volto a 'Rafforzare le basi dello Spazio europeo della ricerca' del VI Programma Quadro di RST

  • 6FP-SUPPORT
  • 2002 - 2006
  • Commissione Europea - Ricerca
  • Unione Europea

Di cosa si occupa?

L’obiettivo delle attività svolte in quest’area è incentivare lo sviluppo coerente delle politiche di ricerca e innovazione in Europa, grazie all’individuazione tempestiva delle sfide e dei settori di interesse comune, nonché fornendo ai responsabili politici nazionali regionali e comunitari conoscenze e strumenti di aiuto relativi al processo decisionale che possano essere utili per l’elaborazione delle politiche. Le attività svolte a tal fine si situano nei settori seguenti:
  • Analisi e studi; attività in materia di prospettiva, statistiche ed indicatori scientifici e tecnologici Queste attività comprenderanno studi, analisi e lavori di prospettiva riguardanti le attività scientifiche e tecnologiche e le politiche di ricerca e innovazioni nell’ambito dell’attuazione dello Spazio europeo della ricerca. Le azioni relative alla prospettiva comprenderanno in particolare lo sviluppo di piattaforme tematiche di dialogo e di una base di conoscenze per gli utilizzatori e i produttori di analisi di prospettiva, la valorizzazione delle buone pratiche in materia di metodologia, nonché l’elaborazione di scenari a medio e lungo termine per la scienza e la tecnologia in Europa. I lavori sugli indicatori includeranno lo sviluppo ulteriore di indicatori adeguati ed armonizzati che tengano conto delle diverse dimensioni della ricerca e dell’innovazione e dei loro impatti sulla società e l’economia e che consentano, ad esempio, di confrontare le prestazioni scientifiche e tecnologiche degli Stati membri e delle loro regioni.
  • Valutazione comparativa (benchmarking) delle politiche di ricerca e di innovazione a livello nazionale, regionale ed europeo Il primo esercizio di benchmarking delle politiche nazionali di RST, avviato nel 2000 terminerà alla fine della prima metà del 2002; la metodologia dei seguenti cicli di benchmarking, ivi compresi gli indicatori, sarà adeguata in funzione dell’esito della prima valutazione comparativa, e gli esercizi saranno ampliati geograficamente con l’apertura ai paesi candidati all’adesione all’Unione e ai paesi associati, nonché estesi ad altri temi. Si presterà particolare attenzione alla diffusione e al controllo dell’attuazione delle migliori pratiche, in stretta collaborazione con gli Stati membri e gli operatori della ricerca. I lavori di benchmarking in corso nel campo dell’innovazione (rilevazione di informazioni sulle politiche d’innovazione in Europa, sviluppo del «quadro di valutazione dell’innovazione» e organizzazione di «peer review» delle politiche d’innovazione da parte di «club tematici» composti da responsabili politici) saranno ampliati nel senso di una maggiore apertura geografica, regionale e sociale grazie all’implicazione delle parti interessate («stakeholders») dell’innovazione.
  • Cartografia dell’eccellenza scientifica e tecnologica in Europa Le attività di cartografia dell’eccellenza saranno estese in due sensi: aumento del numero di temi considerati e aggiornamenti regolari dei risultati. Sarà prestata particolare attenzione all’ampia diffusione delle informazioni disponibili e al coordinamento della cartografia con le attività destinate a promuovere l’integrazione delle attività di ricerca in Europa.
  • Miglioramento del contesto regolamentare ed amministrativo della ricerca e dell’innovazione in Europa Si tratta di esaminare ed analizzare gli ostacoli di natura regolamentare ed amministrativa, individuare e diffondere le buone pratiche di gestione, nonché contribuire allo sviluppo di nuove strategie I settori interessati saranno, tra l’altro, i seguenti: proprietà intellettuale e industriale; rapporti pubblico/privato in materia di ricerca e innovazione, valorizzazione e diffusione delle conoscenze; norme che regolano l’accesso ai nuovi prodotti e servizi sui mercati; meccanismi di finanziamento della ricerca e dell’innovazione e di incentivazione degli investimenti, in particolare da parte del settore privato.

Quali attività possono essere realizzate?

Ai fini dell’attuazione del programma specifico e in conformità alla decisione n. 1513/2002/CE e alle norme per la partecipazione e per la divulgazione, in tutti gli ambiti del settore scientifico e tecnologico la Commissione potrà avvalersi di diversi strumenti:

a. NUOVI STRUMENTI
  • Partecipazione della Comunità a programmi avviati da più Stati membri Articolo 169 A norma dell'articolo 169 del trattato, questo strumento riguarda programmi adeguatamente definiti e attuati dai governi, dalle autorità nazionali o regionali, o dalle organizzazioni di ricerca. L'esecuzione congiunta di tali programmi prevede il ricorso ad una struttura specifica di attuazione e si può basare su programmi di lavoro armonizzati e inviti a presentare proposte comuni, congiunti o coordinati.
b. ALTRI STRUMENTI
  • Azioni di coordinamento Le azioni di coordinamento mirano a stimolare e sostenere iniziative coordinate di vari soggetti operanti nel campo della ricerca e dell'innovazione in vista di una maggiore integrazione. Comprenderanno attività quali l'organizzazione di conferenze e riunioni, la realizzazione di studi, scambi di personale, scambio e diffusione di buone pratiche, creazione di sistemi di informazione e di gruppi di esperti e potranno includere, se necessario, un sostegno alla definizione, all'organizzazione e alla gestione di iniziative congiunte o comuni.
  • Azioni di sostegno specifico Le azioni di sostegno specifico integreranno l'attuazione del presente programma e possono essere utilizzate per contribuire a preparare le attività future della politica comunitaria di ricerca e sviluppo tecnologico, comprese quelle di controllo e di valutazione. Queste azioni, che possono combinarsi a seconda dei casi, consistono, in particolare, in conferenze, seminari, studi e analisi, premi e concorsi scientifici di alto livello, gruppi di lavoro e di esperti, sostegno operativo e attività di diffusione, informazione e comunicazione. Possono altresì includere azioni di sostegno alle infrastrutture di ricerca riguardanti, per esempio, l'accesso transnazionale o lavori tecnici preparatori (tra cui studi di fattibilità) e lo sviluppo di nuove infrastrutture.

Chi può partecipare?

Possono partecipare al programma le persone giuridiche (istituti di ricerca, università e imprese comprese le PMI) provenienti da qualsiasi paese. Sono ammesse a partecipare anche le persone fisiche. Si applicano regole di partecipazione e di finanziamento diverse a seconda dei differenti paesi di appartenenza dei partner e dei distinti strumenti di partecipazione. Il numero minimo di partecipanti stabilito dai programmi di lavoro non può essere inferiore a tre soggetti giuridici indipendenti stabiliti in tre Stati Membri o Stati Associati diversi, di cui almeno due sono Stati Membri o Paesi Candidati Associati. Un gruppo europeo di interesse economico (GEIE) o qualsiasi soggetto giuridico, stabilito in uno Stato membro o Stato associato ai sensi del suo diritto nazionale e che riunisce nel suo ambito soggetti giuridici indipendenti che soddisfano le condizioni del regolamento relativo alle regole di partecipazione, può partecipare da solo ad un'azione indiretta purché la sua composizione soddisfi il numero minimo di partecipanti previsto. Le azioni di sostegno specifico possono essere attuate da un solo soggetto giuridico.

Entità del Finanziamento

Come accedere al finanziamento?

News

RISULTATI - 24/06/2009

Studio UE conferma il 'dominio' dell'orecchio destro nell'ascolto

Un team italiano, composto da scienziati finanziati dall'Unione europea, ha effettuato tre studi incentrati sulle preferenze d'ascolto, individuando queste ultime mediante l'osservazione di interazioni sociali in ambienti rumorosi
RISULTATI - 13/02/2007

Secondo un progetto europeo, occorre maggiore impegno nella ricerca per rendere efficace la PAC

Obiettivo del progetto finanziato dall'Unione europea SASSPO era valutare le priorità di ricerca necessarie a sostenere il processo decisionale agricolo nell'Unione europea, aiutando così l'Europa a orientarsi verso un approccio più integrato e sostenibile all'agricoltura e allo sviluppo rurale
RISULTATI - 17/07/2006

Progetto UE per la commercializzazione della ricerca nel settore dell'energia rinnovabile

ProRETT (Promotion of renewable energy technology transfer), progetto finanziato dall'UE, mira ad aumentare il trasferimento tecnologico nel campo dell'energia rinnovabile, tramite un metodo di nuova concezione finalizzato a uno sfruttamento più rapido e diffuso dei risultati della ricerca scientifica

Chiusi: 9

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

02/05/2005

Topic / Descrizione

Termine ultimo per la presentazione

Termine ultimo per la richiesta dei

Scadenza

29/10/2003

15/10/2003

Titolo

B-Bruxelles: Studi vari - Bando di gara d'appalto - 2003/S 128-114416

La Commissione europea pubblica una gara d'appalto riguardo le analisi e gli studi, le statistiche e gli indicatori sulla scienza e la tecnologia nell'ambito dell'azione 'Sostegno per uno sviluppo coerente delle politiche' del 6 Programma Quadro

Topic / Descrizione

Termine ultimo per la presentazione

Termine ultimo per la richiesta dei

Scadenza

14/10/2003

30/09/2003

Normativa

Decisione che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: «Strutturare lo Spazio europeo della ricerca»

GUCE L 294 del 29-10-2002- Decisione del Consiglio del 30 settembre 2002 che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: «Strutturare lo Spazio europeo della ricerca» (2002-2006)

Regole per la partecipazione e per la diffusione dei risultati della ricerca, nell'ambito del sesto programma quadro della Comunità europea (2002-2006)

GUCE L 355 del 30-12-2002 - Regolamento (CE) n.2321/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 relativo alle regole di partecipazione delle imprese, dei centri di ricerca e delle università, nonché alle regole di diffusione dei risultati della ricerca, per l'attuazione del sesto programma quadro della Comunità europea (2002-2006)