NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

Infrastrutture di ricerca: programma specifico per la ricerca, lo sviluppo tecnologico e la dimostrazione - 'Strutturare lo Spazio europeo della ricerca' del VI Programma Quadro di RST

  • 6FP-INFRASTRUCTURES
  • 2002 - 2006
  • Commissione Europea - Ricerca
  • Unione Europea

Di cosa si occupa?

L’obiettivo generale di questa attività è promuovere lo sviluppo di un tessuto di infrastrutture di ricerca di altissima qualità e dalle ottime prestazioni in Europa e il loro impiego ottimale su scala europea in base alle esigenze manifestate dalla comunità di ricerca. In particolare, si perseguono i seguenti obiettivi:
  • garantire ai ricercatori europei l’accesso alle infrastrutture di cui hanno bisogno per condurre il loro lavoro di ricerca, indipendentemente dall’ubicazione dell’infrastruttura;
  • contribuire a un’impostazione europea per lo sviluppo di nuove infrastrutture di ricerca, anche a livello regionale e transregionale, e per il funzionamento e il miglioramento di quelle esistenti, anche quando non esistono impianti idonei di livello mondiale.
All’occorrenza, il sostegno alle infrastrutture di ricerca in questo programma sarà attuato in associazione con le priorità tematiche del programma quadro e delle altre forme di sostegno disponibili. Sarà data attuazione a cinque formule di sostegno:
  1. Accesso transnazionale. L’obiettivo è promuovere nuove opportunità per le équipe di ricerca (singoli ricercatori compresi) affinché possano accedere alle grandi infrastrutture di ricerca più idonee per il loro lavoro. Il finanziamento comunitario coprirà i costi di esercizio necessari per fornire l’accesso a tali infrastrutture alle équipe di ricercatori operanti in Stati membri e paesi associati diversi da quello in cui è stabilito l’operatore di una determinata infrastruttura.
  2. Iniziative integrate. L’obiettivo consiste nel promuovere la prestazione di servizi essenziali per la comunità di ricerca a livello europeo. Ciò può comprendere, oltre all’accesso transnazionale, l’istituzione e la gestione di reti di cooperazione e l’esecuzione di progetti comuni di ricerca destinati ad incrementare il livello delle prestazioni delle infrastrutture in questione. Dette iniziative contribuiranno a colmare più facilmente lacune che potrebbero limitare il potenziale di sfruttamento dei risultati della ricerca da parte dell’industria, ivi comprese le PMI. Le attività d’integrazione saranno individuate sulla base di un programma scientifico e tecnologico europeo di ampio respiro, ma flessibile, volto se del caso a garantire la sostenibilità del programma a lungo termine. Questo sistema può essere attuato mediante le Iniziative integrate per le infrastrutture e le Azioni di coordinamento.
  3. Sviluppo di reti di comunicazione. L’obiettivo di questa misura, atta a sostenere le infrastrutture di ricerca esistenti, è creare, in collegamento con l’area tematica prioritaria «Tecnologie della società dell’informazione», una rete più fitta tra iniziative fra loro correlate, in particolare mediante l’istituzione di un’infrastruttura di comunicazione di elevata capacità e ad alta velocità per tutti i ricercatori in Europa (GEANT) e di sistemi di calcolo distribuito (GRID) e banchi di prova specifici ad alte prestazioni nonché di servizi di editoria elettronici.
  4. Studi progettuali. L’obiettivo è contribuire, valutando caso per caso, a studi di fattibilità e lavori preparatori di carattere tecnico da realizzarsi da parte di uno o più Stati membri o paesi associati per le infrastrutture nuove aventi inequivocabilmente dimensione e rilevanza europee, tenendo in considerazione le esigenze di tutti i potenziali utenti e studiando, in modo sistematico, come altre fonti, quali la BEI o i Fondi strutturali, possano contribuire al finanziamento di queste infrastrutture.
  5. Sviluppo di nuove infrastrutture. Si tratta di ottimizzare le infrastrutture europee grazie al sostegno limitato per la realizzazione di un numero ristretto di progetti di nuove infrastrutture, solo quando tale sostegno abbia un effetto catalizzatore fondamentale in termini di valore aggiunto europeo. Tenendo nella dovuta considerazione il parere degli Stati membri, questo sostegno può integrare i contributi della BEI e dei Fondi strutturali per il finanziamento di queste infrastrutture.
In generale, i fondi destinati a infrastrutture nuove o al miglioramento di quelle esistenti saranno limitati al minimo necessario per catalizzare l’attività; gran parte delle spese di realizzazione ed esercizio nonché la sostenibilità a lungo termine delle infrastrutture sarà garantita da finanziamenti nazionali o provenienti da altre fonti. Questi finanziamenti saranno erogati soltanto sulla scorta di una motivazione particolareggiata, basata sul valore aggiunto europeo e che tenga conto della dimensione scientifica, giuridica e finanziaria della realizzazione proposta. Bisognerebbe inoltre impiegare reti di comunicazione a larga banda, perfettamente in linea con gli obiettivi politici stabiliti dallo Spazio europeo della ricerca e dall’iniziativa e-Europe, come mezzo per migliorare la cooperazione scientifica con i paesi terzi. Laddove opportuno, il sostegno alle infrastrutture di ricerca fornito nell’ambito del presente programma dovrebbe tenere conto dei meccanismi esistenti o futuri ai fini di una strategia europea per quanto riguarda le infrastrutture di ricerca in Europa (per es. le Reti nazionali per la ricerca e l’istruzione - NRENS e al Forum di strategia europea per le infrastrutture di ricerca), nonché dei pareri scientifici degli organismi europei e internazionali esistenti (per es. la Fondazione europea per la scienza - FES). All’occorrenza si potranno attuare le misure di accompagnamento previste dal programma a sostegno di questi meccanismi.

Quali attività possono essere realizzate?

Ai fini dell’attuazione del programma specifico e in conformità alla decisione n. 1513/2002/CE e alle norme per la partecipazione e per la divulgazione, in tutti gli ambiti del settore scientifico e tecnologico la Commissione potrà avvalersi di:

a. NUOVI STRUMENTI
  • Partecipazione della Comunità a programmi avviati da più Stati membri Articolo 169 A norma dell'articolo 169 del trattato, questo strumento riguarda programmi adeguatamente definiti e attuati dai governi, dalle autorità nazionali o regionali, o dalle organizzazioni di ricerca. L'esecuzione congiunta di tali programmi prevede il ricorso ad una struttura specifica di attuazione e si può basare su programmi di lavoro armonizzati e inviti a presentare proposte comuni, congiunti o coordinati.
b. ALTRI STRUMENTI
  • Iniziative integrate relative alle infrastrutture Si tratta di associare in un’unica azione diverse attività essenziali per consolidare e sviluppare infrastrutture di ricerca allo scopo di fornire servizi a livello europeo. A tal fine, esse associano attività di rete ad un’attività di sostegno (ad es. relativa all’accesso transnazionale) o ad attività di ricerca necessarie per migliorare il funzionamento dell’infrastruttura, escludendo, tuttavia, il finanziamento di investimenti in nuove infrastrutture che è possibile unicamente mediante azioni di sostegno specifiche. Esse comprendono un elemento di diffusione delle conoscenze verso utenti potenziali, tra cui l’industria e, in particolare, le PMI.
  • Azioni di coordinamento che mirano a stimolare e sostenere iniziative coordinate di vari soggetti della ricerca e dell’innovazione. Comprendono un insieme di attività come l’organizzazione di conferenze, di riunioni, la realizzazione di studi, scambi di personale, scambio e diffusione di buone pratiche, creazione di sistemi di informazione e di gruppi di esperti e possono includere, se necessario, un sostegno alla definizione, all’organizzazione e alla gestione di iniziative congiunte o comuni.
  • Azioni di sostegno specificoche integrano l’attuazione del Programma quadro e possono essere utilizzate per contribuire ai preparativi per le future attività della politica comunitaria nel campo della ricerca e dello sviluppo tecnologico, ivi comprese le attività di monitoraggio e valutazione. In particolare, queste comprendono conferenze, seminari, studi ed analisi, premi e concorsi di alto livello in campo scientifico, gruppi di lavoro e di esperti, sostegno operativo e attività di divulgazione, informazione e comunicazione o una combinazione di alcuni di questi elementi, a seconda dei casi. Possono comprendere peraltro anche azioni di sostegno per le infrastrutture di ricerca relative, ad esempio, all’accesso transnazionale o ai lavori preparatori di natura tecnica (tra cui gli studi di fattibilità) e lo sviluppo di nuove infrastrutture.

Chi può partecipare?

Possono partecipare al programma le persone giuridiche (istituti di ricerca, università e imprese comprese le PMI) provenienti da qualsiasi paese. Sono ammesse a partecipare anche le persone fisiche. Si applicano regole di partecipazione e di finanziamento diverse a seconda dei differenti paesi di appartenenza dei partner e dei distinti strumenti di partecipazione. Il numero minimo di partecipanti stabilito dai programmi di lavoro, solitamente, non può essere inferiore a tre soggetti giuridici indipendenti stabiliti in tre Stati Membri o Stati Associati diversi, di cui almeno due sono Stati Membri o Paesi Candidati Associati. In alcuni casi, specificati nel Work Programme, le azioni possono essere attuate da un solo soggetto giuridico. Un gruppo europeo di interesse economico (GEIE) o qualsiasi soggetto giuridico, stabilito in uno Stato membro o Stato associato ai sensi del suo diritto nazionale e che riunisce nel suo ambito soggetti giuridici indipendenti che soddisfano le condizioni del regolamento relativo alle regole di partecipazione, può partecipare da solo ad un'azione indiretta purché la sua composizione soddisfi il numero minimo di partecipanti previsto.

Entità del Finanziamento

Come accedere al finanziamento?

News

RISULTATI - 16/09/2010

Una nuova svolta nei fasci di elettroni

Un team di scienziati finanziati dall'UE ha trovato un metodo per generare fasci di elettroni rotanti, tecnica che potrebbe essere utilizzata per esaminare le proprietà magnetiche dei materiali
RISULTATI - 29/07/2010

Gli scienziati ottengono l'accesso al supercomputer europeo

Gli scienziati che lavorano su 10 progetti di ricerca che coprono campi diversi come l'astrofisica, le scienze della terra, l'ingegneria e la fisica hanno ottenuto prezioso tempo informatico su JUGENE, uno dei supercomputer più potenti al mondo
RISULTATI - 06/10/2009

Progetto EELA dell'UE dà impulso ai sistemi Grid in America Latina e EELA 2 ne diffonde l'uso

Sulla scia del successo del progetto EELA nasce EELA-2 che ha come obiettivo lo sviluppo di un'infrastruttura Grid adattabile caratterizzata da una capacità e da una qualità elevata
RISULTATI - 09/07/2009

Sviluppata in Europa una fotocamera astronomica ultra rapida

La fotocamera, denominata OCam, sfrutta il sensore CCD220, entrambi frutto di cinque anni di lavoro svolto nell'ambito del progetto europeo OPTICON
RISULTATI - 29/05/2009

Alcuni ricercatori finanziati dall'UE costruiscono superconduttori con 'vecchi' materiali semiconduttori

I risultati dello studio in parte finanziato dal progetto EuroMagNET e condotto da alcuni ricercatori in Germania hanno implicazioni per la nano elettronica e per lo sviluppo di nuovi computer
RISULTATI - 26/03/2009

Un modo tutto europeo di osservare le stelle

Il progetto RadioNet, avviato nel Sesto programma quadro, sarà finanziato anche nel 7°PQ e avrà l'obiettivo di condividere strutture e conoscenze con la comunità astronomica internazionale
RISULTATI - 20/03/2009

Ricercatori scoprono perché l'atmosfera del Sole è più calda della sua superficie

Le scoperte rappresentano uno dei risultati della rete OPTICON e forniscono preziose informazioni per la ricerca sull'uso della fusione nucleare qui sulla Terra
RISULTATI - 18/02/2008

Nuova base di conoscenze on line per le European Grid Initiative

Il progetto EGEE originale è stato avviato nella primavera del 2004, al fine di integrare le griglie nazionali, regionali e tematiche di calcolo e di dati per creare un'infrastruttura europea abilitata alla tecnologia Grid a sostegno dello Spazio europeo della ricerca. L'attuale progetto EGEE-II prosegue il lavoro per fornire un servizio continuo di infrastruttura Grid in grado di garantire la qualità della produzione in tutto il SER e nel mondo
RISULTATI - 08/11/2007

Via libera di 15 paesi al nuovo acceleratore da 1,2 Mrd EUR

l 7 novembre i rappresentanti di 15 paesi hanno firmato un comunicato congiunto con cui hanno dato il via libera alla costruzione della struttura per la ricerca sugli antiprotoni e gli ioni (FAIR)
RISULTATI - 05/11/2007

Tempi di calcolo per 45 progetti sulla rete di supercalcolo europea DEISA

L'infrastruttura europea per applicazioni di supercalcolo, finanziata a titolo del Sesto programma quadro dell'Unione europea, consentirà ora ai progetti di compiere operazioni o simulazioni che necessitano di risorse di calcolo ad alte prestazioni
RISULTATI - 13/09/2007

Pianeta remoto offre un'anteprima del destino della Terra

Lo studio, in parte finanziato dall'UE, è frutto della collaborazione di scienziati provenienti da 12 paesi ed è pubblicato sull'ultimo numero della rivista «Nature»
RISULTATI - 18/06/2007

GÉANT2 aiuta a massimizzare le risorse europee di supercalcolo

Il progetto DEISA, finanziato dall'UE, ha decuplicato la velocità della ricerca collaborativa basata sulla rete europea di supercalcolatori, raggiungendo i 10 gigabit al secondo, grazie a GÉANT2, la rete paneuropea per la ricerca e l'istruzione
RISULTATI - 04/01/2007

Sostegno ai ricercatori per la caratterizzazione delle proteine

Un nuovo progetto europeo - ProteomeBinders - aprirà la strada alla creazione di una libreria di molecole che contribuiranno a identificare e caratterizzare le proteine scoperte nel corpo umano
PUBBLICAZIONI - 20/10/2006

Varata la tabella di marcia europea per le infrastrutture di ricerca

Il documento, per la cui stesura sono stati necessari due anni, delinea 35 progetti di infrastrutture di ricerca considerati di importanza fondamentale per lo sviluppo delle scienze e dell'innovazione in Europa
RISULTATI - 20/06/2006

Forum mette in risalto il successo della nuova rete d'informazione Trans-Eurasia

La rete d'informazione Trans-Eurasia (TEIN2) è la prima rete di comunicazione di dati su vasta scala dedicata alla ricerca e all'istruzione che mette in collegamento l'Europa con il Sudest asiatico
RISULTATI - 15/05/2006

Osservare le stelle dal fondo del mare

Grazie ai finanziamenti stanziati nell'ambito del Sesto programma quadro è stata avviata la fase progettuale del lavoro sul nuovo tipo di telescopio che sarà utilizzato per individuare le più elusive e misteriose tra tutte le particelle subatomiche, i neutrini
RISULTATI - 02/05/2006

Una rete elettronica ad alta velocità collegherà 45 milioni di ricercatori europei e cinesi

Il progetto costerà 4,15 milioni di euro e sarà finanziato dal Sesto programma quadro dell'UE, dalla Cina e dalle reti nazionali per la ricerca e l'istruzione in Europa (NRENs - European National Research and Education Networks)
RISULTATI - 16/02/2006

All'Europa occorre un nuovo centro di ricerca per testare la sicurezza negli spazi chiusi?

Un progetto finanziato dall'Unione sta conducendo una valutazione delle attuali priorità e infrastrutture di ricerca nel campo della sicurezza degli spazi sotterranei chiusi, in vista della possibilità di istituire un nuovo centro di ricerca paneuropeo
RISULTATI - 14/02/2006

La rete per la conservazione dei semi promuove il dialogo scienza-società

La rete creata per migliorare la conservazione dei semi vegetali europei ha aperto al pubblico il proprio sito Internet, con l'intento di far sapere che rappresenta una nuova 'finestra sul mondo della conservazione del germoplasma in Europa'
RISULTATI - 19/01/2006

L'UE accetta di cofinanziare il più grande telescopio al mondo

La Commissione europea cofinanzierà, nell'ambito della priorità relativa alle infrastrutture del 6PQ, la progettazione del gigantesco radiotelescopio 'Square Kilometre Array', impegnandosi per il 27 per cento del costo, vale a dire per 38 milioni di euro nei prossimi quattro anni
INFORMAZIONE - 10/01/2006

Grenoble - Centro europeo per la biologia strutturale

Il 13 gennaio sarà aperto a Grenoble (Francia) l'edificio Carl-Ivar Branden presso il campus del Poligono scientifico
RISULTATI - 05/10/2005

CORDIS lancia un nuovo servizio su ESFRI e sulle infrastrutture di ricerca

Il Forum strategico europeo sulle infrastrutture di ricerca (ESFRI) ha una nuova home page su CORDIS, il servizio comunitario ufficiale di informazione in materia di ricerca e innovazione
RISULTATI - 06/04/2005

Ricercatori di astronomia planetaria si uniscono in rete per sostenere le missioni di esplorazione

Circa 60 laboratori, istituzioni e agenzie europee che operano nel settore delle scienze planetarie stanno collaborando nel quadro del progetto EuroPlaNet per promuovere un'integrazione del settore a lungo termine
RISULTATI - 08/03/2005

Le infrastrutture europee di ricerca promuovono la scienza dei materiali

La Commissione europea finanzia progetti che sfruttino al meglio le attuali strutture di ricerca europee nonché la realizzazione di nuove infrastrutture
RISULTATI - 16/12/2004

Un progetto europeo crea un nuovo potente megacalcolatore

Otto istituti di ricerca europei collegheranno quattro supercalcolatori per creare un potente megacalcolatore e dare impulso alla competitività europea in aree scientifiche che richiedono prestazioni estreme
POLITICA GENERALE - 01/12/2004

Hervé Péro giustifica l'aumento di fondi per le infrastrutture nel 7PQ

Nella recente comunicazione sul futuro della politica di ricerca in Europa, la Commissione europea ha indicato il sostegno alle infrastrutture di ricerca come uno dei sei punti fondamentali della sua politica dal 2007

Chiusi: 11

Titolo

Il progetto SYNTHESYS lancia il terzo invito a presentare proposte

L'ufficio del progetto SYNTHESYS ha indetto il terzo invito a presentare proposte nell'ambito dell'Iniziativa integrata per le infrastrutture' del Sesto programma quadro della Commissione europea

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

16/09/2005

Titolo

Borse di soggiorno di breve durata dell'iniziativa d'infrastruttura integrata SYNTHESYS

SYNTHESYS, un'iniziativa d'infrastruttura integrata cui partecipano 20 tra le più prestigiose istituzioni europee di storia naturale, invita a presentare proposte per soggiorni di ricerca di breve durata

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

17/09/2004

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

06/05/2003

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

15/04/2003

Normativa

Decisione che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: «Strutturare lo Spazio europeo della ricerca»

GUCE L 294 del 29-10-2002 - Decisione del Consiglio del 30 settembre 2002 che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: «Strutturare lo Spazio europeo della ricerca» (2002-2006)

Regole per la partecipazione e per la diffusione dei risultati della ricerca, nell'ambito del sesto programma quadro della Comunità europea (2002-2006)

GUCE L 355 del 30-12-2002 - Regolamento (CE) n.2321/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 relativo alle regole di partecipazione delle imprese, dei centri di ricerca e delle università, nonché alle regole di diffusione dei risultati della ricerca, per l'attuazione del sesto programma quadro della Comunità europea (2002-2006)