NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

OBIETTIVO 2 - periodo 2000-2006 - Regione Emilia-Romagna Misura 1.5 - 'Sostegno allo start up di imprese innovative'

  • Ob.2 RER Misura 1.5
  • 2000 - 2006
  • Commissione Europea - Politica regionale
  • Regione Emilia-Romagna
  • Regionale - EMILIA-ROMAGNA

Di cosa si occupa?

Misura 1.5 “Sostegno allo start up di imprese innovative” dell’Asse 1 “Sostegno alle imprese” del Documento Unico di Programmazione per le aree Obiettivo 2 – periodo 2000–2006 della Regione Emilia-Romagna. La Misura ha l’obiettivo di agire da stimolo per la costituzione di fondi di Venture Capital indirizzati alle aree meno sviluppate della regione ma con rilevanti potenzialità in considerazione della presenza di Università, Centri di ricerca o distretti industriali.In particolare, la misura si propone, attraverso la costituzione di un fondo di capitale di rischio a compartecipazione privata, di:
  • sostenere l’avvio e lo sviluppo di progetti di imprese derivanti da spin off accademici e di ricerca;
  • sostenere l’avvio e lo sviluppo di progetti riferibili comunque ad attività di carattere innovativo mediante l’acquisizione di quote di minoranza del capitale sociale di piccole e medie imprese.

Quali attività possono essere realizzate?

La misura promuove, attraverso la costituzione del fondo, l’avvio e lo sviluppo di progetti di imprese derivanti da spin off accademici e di ricerca o riferiti comunque ad attività di carattere innovativo, attraverso l’acquisizione di quote di minoranza del capitale sociale di piccole e medie imprese.

Chi può partecipare?

Sono ammesse a partecipare alla misura le Piccole e medie imprese appartenenti ai settori dell’industria manifatturiera e dei servizi non commerciali di cui alla Raccomandazione della Commissione Europea 96/280/CE, di nuova costituzione o in fase di start up, derivanti da processi di spin off da Università, centri di ricerca, imprese di alta tecnologia e, comunque, operanti in ambiti settoriali innovativi che saranno definiti nel Complemento di programmazione. Sono escluse le imprese del settore della produzione, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti di cui all’allegato 1 del Trattato. Le PMI, con sede in area Obiettivo 2 o in sostegno transitorio della regione Emilia Romagna, devono essere costituite sotto forma di società di capitali e devono:
  • essere costituite da non più di 12 mesi se detengono i requisiti per rientrare nella tipologia di investimento detta seed financing (investimento nella fase di sperimentazione dell’idea innovativa, quando è ancora da dimostrare la validità tecnica del prodotto/servizio) oppure
  • essere costituite da non più di 36 mesi se detengono i requisiti per rientrare nella tipologia detta start up financing (investimento finalizzato all’avvio dell’attività, quando non si conosce ancora la validità commerciale del prodotto/servizio, ma esiste già almeno un prototipo)e comunque
  • non godere dei requisiti di “imprese in difficoltà” ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà (cfr. GU C 288 del 9.10.1999, pag. 2).

Entità del Finanziamento

Il contributo previsto sarà applicato in conformità con il Regolamento (CE) n.69/2001 del 12 gennaio 2001 relativo agli aiuti 'de minimis'. Il fondo interviene a fronte di una decisione di incremento del capitale sociale dell’azienda da parte dei soci sotto forma di partecipazione finanziaria minoritaria e temporanea e a fronte di un programma di innovazione tecnologica, di investimento, di ampliamento e di sviluppo aziendale.

Come accedere al finanziamento?

Attualmente la procedura di erogazione è in corso di definizione e sarà resa pubblica alla fine dell'estate 2002. Pertanto, non sono previsti bandi prima della fine del 2002. In particolare, l’autorità di gestione, attraverso procedura ad evidenza pubblica, selezionerà il soggetto attuatore con il quale stipulerà apposita convenzione. L’autorità di gestione stipulerà apposita convenzione con il soggetto attuatore aggiudicatario della procedura ad evidenza pubblica per la gestione del fondo.

News

LEGISLAZIONE - 29/06/2005

L'Emilia-Romagna investe nell’innovazione: via libera a fondo Ingenium

Al nastro di partenza il fondo Ingenium, il primo fondo di capitale di rischio a compartecipazione pubblico privata dedicato all’investimento in aziende innovative della regione Emilia-Romagna

Normativa

DocUP Obiettivo 2 RER

Documento Unico di Programmazione Obiettivo 2 Regione Emilia Romagna 2000-2006 approvato con decisione della Commissione Europea del 14 novembre 2001 e relativa documentazione