NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

Programma Operativo Regionale - Obiettivo 3 FSE - Misura D.1 Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del MdL e della competitività delle imprese pubbliche e private con priorità alle PMI

  • POR OB.3 - Mis. D1
  • 2000 - 2006
  • Commissione Europea - Politica regionale
  • Regione Emilia-Romagna
  • Regionale - EMILIA-ROMAGNA

Di cosa si occupa?

La misura D.1 è volta sostegno delle politiche di rimodulazione degli orari e di flessibilizzazione del mercato del lavoro, e sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI ed alla PA. Le finalità della misura sono:
  • sostenere (attraverso attività formative, consulenziali e di promozione e sensibilizzazione) le politiche di rimodulazione degli orari di lavoro e di flessibilizzazione del mercato del lavoro, sia incentivando metodi innovativi di organizzazione del lavoro in grado di conciliare le esigenze delle imprese e dei lavoratori, sia intervenendo con politiche finalizzate a stabilizzare l’occupazione e a garantire un inquadramento professionale adeguato dei lavoratori occupati con contratti di lavoro flessibili e atipici;
  • rafforzare e diversificare gli interventi di formazione continua nel settore privato, con priorità alle PMI, intervenendo sui punti di debolezza emersi nella precedente programmazione. Si tratta quindi di estendere l’attuazione di tali politiche alla domanda individuale delle imprese (al cui interno vanno comunque garantite pari opportunità di accesso a tutte le imprese e categorie di lavoratori) ad interventi mirati allo sviluppo territoriale e settoriale (ad es. nell’ambito della programmazione negoziata, dei distretti industriali, dei nuovi bacini di impiego, ecc.) e alla domanda individuale di riqualificazione dei singoli occupati.
Il regime di aiuti alla formazione si applica a tutti i settori, esclusi quello agricolo (disciplina Orientamenti agricoli) e quello dell’industria carbonifera e siderurgica (cui si applica il trattato Ceca)

Quali attività possono essere realizzate?

AIUTI ALLE PERSONE
  • Interventi formativi rivolti a lavoratori, a imprenditori e dirigenti di impresa, in particolare di Pmi, finalizzate alle riorganizzazioni aziendali conseguenti a rimodulazione e riduzione degli orari di lavoro
  • Interventi formativi e di sostegno ad occupati con contratti atipici al fine di garantire lo sviluppo di percorsi professionali e lavorativi
  • Supporto allo sviluppo del telelavoro
  • Azioni di supporto e di accompagnamento alle riorganizzazioni aziendali
  • Formazione continua nelle imprese a sostegno dei processi di innovazione tecnologica, organizzativa e di mercato
  • Sperimentazione e diffusione di strumenti che aiutino le imprese e i lavoratori nell’acquisto di formazione di qualità
  • Formazione continua ai lavoratori occupati in imprese a rischio di perdita di competitività a seguito dell'introduzione di innovazioni tecnologiche
  • Formazione continua a favore delle imprese cooperative e del terzo settore
  • Formazione continua nei distretti industriali e nell'ambito della programmazione negoziata
  • Formazione continua nell'ambito dei settori dei nuovi bacini d'impiego
  • Formazione continua per l'aggiornamento professionale individuale
  • Informazione e formazione delle parti sociali per lo sviluppo della riorganizzazione e flessibilità
ASSISTENZA A STRUTTURE E SISTEMI
  • Analisi e valutazione dei sistemi di flessibilità del mercato del lavoro regionale
  • Analisi e diagnosi dei contesti territoriali e settoriali per lo sviluppo delle iniziative di formazione continua
MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO
  • Programmi di informazione rivolti ad imprese e a parti sociali
  • Informazione e pubblicizzazione sulle opportunità esistenti
  • Misure necessarie a favorire l'accesso e la fruizione dei servizi offerti da parte di soggetti non completamente autonomi
  • Interventi di supporto alle imprese, in particolare PMI, per l’individuazione dei fabbisogni di competenza finalizzati al loro sviluppo competitivo, in rapporto al mercato di riferimento

Chi può partecipare?

Soggetti attuatori: enti pubblici e privati, enti di formazione accreditati, enti bilaterali, imprese e soggetti destinatari nel caso di assegnazione di voucher e buoni individuali Soggetti destinatari: occupati giovani ed adulti, lavoratori in CIG ordinaria, persone impegnate in LSU/LPU, lavoratori stagionali, parti sociali, imprenditori, lavoratori autonomi e soci di cooperative

Entità del Finanziamento

Come accedere al finanziamento?

La presentazione di proposte deve avvenire in occasione della pubblicazione di appositi bandi.

Chiusi: 13

Topic / Descrizione

Termine presentazione domanda

Scadenza

31/10/2003