NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

LA SCIENZA NELLA SOCIETÀ nell'ambito del programma specifico “Capacità” recante attuazione del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione

  • 7FP-SIS
  • 2007 - 2013
  • Commissione Europea - Ricerca
  • Unione Europea

Di cosa si occupa?

Per costruire una società europea della conoscenza aperta, efficace e democratica, l'azione LA SCIENZA NELLA SOCIETÀ si propone di incentivare l’integrazione armoniosa della ricerca scientifica e tecnologica e le relative politiche in materia di ricerca nel tessuto sociale europeo, incoraggiando la riflessione e il dibattito su scala europea sul tema della scienza e della tecnologia, nonché il loro rapporto con l'intero spettro della società e della cultura.

La strategia scelta è tesa a:

  • rendere più aperti e trasparenti i meccanismi di accesso e validazione del sapere su cui si devono fondare delle politiche più solide;
  • fissare punti di riferimento per un impegno di ricerca eticamente valido, che tenga conto dei diritti fondamentali;
  • consentire all’Europa di svolgere un ruolo più attivo a livello mondiale, nel dibattito e nella promozione di valori comuni, delle pari opportunità e del dialogo sociale;
  • colmare il divario che separa quanti hanno un’istruzione scientifica da chi non l’ha, stimolare l’interesse per la cultura scientifica nell’ambiente in cui tutti i cittadini sono a diretto contatto (sollecitando al riguardo le amministrazioni comunali, le regioni, le fondazioni, i centri scientifici, i musei, le organizzazioni della società civile, ecc.);
  • promuovere il dialogo sociale sulla politica di ricerca ed incoraggiare le organizzazioni della società civile ad assumere un ruolo più attivo nelle attività di ricerca;
  • vagliare le modalità di miglioramento della governanza del sistema europeo di ricerca e innovazione;
  • creare un’immagine della ricerca e dei ricercatori comprensibile a tutti, in particolare ai giovani;
  • promuovere l'avanzamento delle donne nella carriera scientifica e un miglior utilizzo del loro talento professionale e scientifico per il bene della collettività;
  • rinnovare la comunicazione scientifica, favorendo il ricorso a mezzi moderni più incisivi, aiutando gli scienziati ad operare in stretta collaborazione con i professionisti dei mezzi di comunicazione.

Quali attività possono essere realizzate?

La sezione 'Scienza e società' sarà realizzata mediante:

  • azioni e ricerche inerenti alle politiche, finanziate direttamente da questo capitolo del
    programma;
  • cooperazione, ispirata al metodo aperto di coordinamento, tra Stati membri, per l’individuazione di obiettivi comuni ed il consolidamento delle prassi nazionali;
  • promozione, sostegno e monitoraggio dell'assimilazione delle problematiche trattate nell'ambito della sezione 'Scienza e società' e dei loro riflessi su altre parti del programma quadro.



Si seguiranno 3 linee di azione:

  1. GOVERNANCE PIÙ DINAMICA DEL RAPPORTO TRA SCIENZA E SOCIETÀ

    • Rafforzare e migliorare il sistema scientifico europeo
      Considerata l'aspettativa che il sistema scientifico europeo sostenga il nostro potenziale d'innovazione è opportuno che la società abbia una migliore visione dei suoi elementi, della sua economia, delle sue regole e consuetudini. È prevista la trattazione di tre aspetti di ampia rilevanza, puntando l'attenzione sui soggetti coinvolti e la dinamica dello Spazio europeo di ricerca.
      • Migliorare l'uso in Europa dei pareri e delle consulenze scientifiche nell'elaborazione di politiche (ivi compresa la gestione del rischio), monitorandone l'impatto, e sviluppare strumenti e meccanismi concreti (quali ad esempio reti telematiche);
      • accrescere la fiducia nella comunità scientifica, nonché la sua autoregolazione;
      • promuovere il dibattito sulla diffusione delle informazioni, compreso l'accesso ai risultati e l'avvenire delle pubblicazioni scientifiche, prendendo in considerazione anche misure volte a migliorare l'accesso del pubblico.

    • Accrescere l'attività volta a prevedere e chiarire le problematiche politiche, sociali ed etiche
      Le aspirazioni e le preoccupazioni della società nonché i principi etici fondamentali devono essere meglio integrati nel processo di ricerca, creando un clima più sicuro e costruttivo per i ricercatori e l'intera società. Entrano in causa tre elementi:
      • il maggiore impegno per le problematiche inerenti alla scienza;
      • le condizioni per un dibattito informato sull'etica e la scienza;
      • un maggiore accento sul dibattito in seno alla comunità scientifica relativo agli aspetti sociali della ricerca.

    • Migliorare la coscienza della collocazione della scienza e della tecnologia (S&T) nella società
      Per affrontare il rapporto tra scienza e società con politiche costruttive, occorre espandere, consolidare e diffondere a livello europeo il sapere accumulato nell'ambito della storia, del patrimonio scientifico e tecnologico (S&T), della sociologia e della filosofia della scienza. A tal fine gli studiosi di queste discipline dovrebbero costituire delle reti per strutturare la ricerca ed i dibattiti, in modo da rivelare il reale contributo della scienza alla costruzione della società e all'identità europea, dando particolare risalto a:
      • i legami tra scienza, democrazia e diritto;
      • la ricerca nel campo dell'etica della scienza e della tecnologia;
      • l'influenza reciproca tra scienza e cultura;
      • il ruolo e l'immagine degli scienziati;
      • la comprensione della scienza da parte del pubblico e la promozione del dibattito pubblico.

    • Evoluzione del ruolo delle università
      L'attività sarà tesa a favorire le opportune riforme per consentire alle università di svolgere la loro funzione di creazione, diffusione e condivisione del sapere, assieme all'industria ed alla collettività (secondo lo spirito delle iniziative comunitarie per la ricerca universitaria). Risalto verrà dato a:
      • la definizione delle migliori condizioni generali per una ricerca universitaria più efficiente;
      • le misure volte a promuovere la costituzione di partenariati strutturati con le imprese, tenendo conto delle capacità delle università di gestire la ricerca;
      • la maggiore condivisione delle conoscenze tra le università e la collettività.

  2. RAFFORZAMENTO DEL POTENZIALE ED ESTENSIONE DEGLI ORIZZONTI

    • Genere e ricerca
      Conformemente a quanto stabilito negli orientamenti politici del documento di lavoro interno della Commissione, nelle conclusioni del Consiglio ed in altri orientamenti politici comunitari pertinenti, si creerà il contesto per delle azioni positive, al fine di rafforzare il ruolo delle donne nella ricerca scientifica e di accentuare la dimensione di genere nel campo della ricerca. Questo contesto costituirà lo sfondo per il dibattito politico, il monitoraggio, il coordinamento e il sostegno della ricerca. In tale ambito rientrano:
      • il rafforzamento del ruolo delle donne nella ricerca scientifica e negli organi decisionali in ambito scientifico;
      • la dimensione di genere nella ricerca;
      • l'integrazione della dimensione di genere nella politica e nei programmi di ricerca dell'UE.

    • Giovani e scienza
      Le attività saranno concepite in modo da: promuovere la scelta di carriere in ambito scientifico da parte di persone di ogni estrazione, favorire i legami intergenerazionali ed incrementare il livello generale di 'alfabetizzazione scientificÀ. Gli scambi e la cooperazione a livello europeo si concentreranno sui metodi didattici per le scienze, orientati ad un pubblico giovane, sul sostegno (concetti, materiale) agli insegnanti in materie scientifiche, sullo sviluppo di legami tra scuola e vita professionale. È inoltre prevista la possibilità di finanziare manifestazioni di ampia portata europea, che facciano incontrare scienziati autorevoli – in veste di 'modelli' – e giovani aspiranti scienziati.
      È prevista la trattazione di attività di ricerca di base, tenendo conto dei contesti sociali e dei valori culturali. Tre sono gli aspetti da sviluppare:
      • il sostegno alla didattica scientifica formale ed informale nelle scuole oltre che tramite centri scientifici e musei e altre modalità pertinenti;
      • il rafforzamento dei legami tra l'istruzione scientifica e la carriera scientifica;
      • le azioni di ricerca e coordinamento concernenti i nuovi metodi didattici scientifici.

  3. COMUNICAZIONE TRA SCIENZA E SOCIETÀ

    Le attività saranno tese a favorire validi canali di comunicazione nelle due direzioni, che permettano alla collettività e ai decisori di interessarsi alla scienza ed agli scienziati di entrare in contatto con la collettività. La strategia consisterà nel favorire una più stretta collaborazione e lo scambio delle prassi migliori tra scienziati e professionisti dei mezzi di comunicazione, nonché un maggiore coinvolgimento dei gruppi destinatari, ossia i bambini e i giovani, i ricercatori impegnati nella divulgazione e la stampa specializzata. L’impegno si concentrerà su:
    • l’offerta in tempo utile di informazioni scientifiche attendibili alla stampa e ad altri mezzi di comunicazione
    • l’allestimento di iniziative di formazione per avvicinare i mass media e la comunità scientifica, superando le barriere che li separano
    • la promozione della dimensione europea nell’ambito di manifestazioni rivolte al pubblico
    • la promozione della scienza con strumenti audiovisivi, attraverso coproduzioni europee e la distribuzione di programmi scientifici
    • la promozione di una comunicazione transnazionale di eccellenza nel campo della ricerca e della scienza, mediante l’istituzione di premi popolari
    • la ricerca volta a migliorare gli scambi in materia scientifica in termine di metodi e prodotti, al fine di migliorare la comprensione reciproca tra il mondo scientifico e il più vasto pubblico dei responsabili politici, dei mezzi di comunicazione e della popolazione in generale.

News

RISULTATI - 09/10/2012

I risultati del bando 2012 Scienza nella Società

L'Italia è presente nell'82% delle proposte progettuali che hanno avuto un punteggio superiore alla soglia per ottenere il finanziamento
RISULTATI - 20/04/2011

La Commissione avvicina la scienza alla società attraverso un nuovo sito web

Il nuovo sito pubblica le relazioni nazionali sulla politica e le attività di ricerca del SiS negli Stati membri e nei paesi associati
PUBBLICAZIONI - 16/11/2009

Relazione MASIS accende i riflettori sulle attività della scienza nella società in Europa

Il gruppo di esperti MASIS (Monitoring Activities of Science in Society in Europe) ha redatto un'analisi dei trend emergenti e delle questioni trasversali riguardanti la scienza nella società in Europa
RISULTATI - 20/07/2009

Una migliore comunicazione per aiutare gli ammalati e gli esperti di cancro

L'UE ha sostenuto un'iniziativa che aiuterà i pazienti e i professionisti del servizio sanitario a migliorare la loro comprensione della prevenzione, il trattamento e la cura del cancro in Europa
RISULTATI - 04/07/2008

Si diffondono in Europa le università per ragazzi

La Commissione europea ha intenzione di firmare un accordo di sovvenzione che dovrebbe dare il via alla formazione di una rete europea per le università per ragazzi chiamata EUCUNET
PUBBLICAZIONI - 17/06/2008

Amendments Guide for FP7 Grant Agreements

Disponibile la guida agli emendamenti ai contratti siglati con la Commissione europea nell'ambito del VII Programma Quadro di RST
PUBBLICAZIONI - 17/04/2008

'Nessuna qualità senza parità', nuovo rapporto sulle donne nel mondo della scienza

Intitolato 'Creare una mappa del labirinto: far arrivare più donne ai vertici nella ricerca', il rapporto è stato redatto dal gruppo di esperti sulle Donne nel Processo Decisionale della Ricerca
RISULTATI - 07/01/2008

Annunciati i primi progetti del 7°PQ nel campo delle scienze sociali e della scienza nella società

I 93 progetti, tra cui verranno ripartiti circa 80 Mio EUR, sono stati selezionati tra le candidature pervenute in seguito al primo invito a presentare proposte del dicembre 2006
PUBBLICAZIONI - 08/06/2007

Relazione sulle attività di ricerca nel campo della scienza e della società nell'ambito del 6PQ

La Commissione sottolinea che ancora rimane molto da fare nell'ambito del 7PQ per ampliare la portata del programma relativo alla scienza e alla società e coordinare meglio le sue attività con quelle condotte a livello nazionale
INFORMAZIONE - 08/03/2007

L'esclusione dalla sperimentazione clinica danneggia la salute delle donne

Le donne sono ancora ampiamente sottorappresentate nelle sperimentazioni cliniche in Europa e ci sono prove sempre più evidenti dell'effetto deleterio di tale situazione sul loro stato di salute

Chiusi: 25

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

28/02/2013

Topic / Descrizione

Termine per partecipare al concorso

Scadenza

22/03/2012

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

29/04/2010

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

21/01/2010

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

21/01/2010

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

02/12/2009

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

21/04/2009

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

19/01/2009

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

15/07/2008

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

29/05/2007

Eventi futuri

Non sono presenti eventi futuri

Eventi passati

Normativa

Decisione relativa al programma specifico 'Capacità' che attua il VII PQ per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

[GUUE L 400 del 30-12-2006 - Decisione n. 972/2006 del Consiglio del 19 dicembre 2006 concernente il programma specifico 'Idee' che attua il settimo programma quadro della Comunità europea per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)]

Decisione relativa al VII PQ per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

GUUE L 412 del 30-12-2006 - Decisione n. 1982/2006/ del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa al settimo programma quadro per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

Regolamento che stabilisce le regole per la partecipazione di imprese, centri di ricerca e università alle azioni nell'ambito del VII PQ e per la diffusione dei risultati della ricerca (2007-2013)

GUUE L 391 del 30-12-2006 - Regolamento n. 1906/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 che stabilisce le regole per la partecipazione di imprese, centri di ricerca e università alle azioni nell'ambito del settimo programma quadro e per la diffusione dei risultati della ricerca (2007-2013)