NOTIZIA FLASH

NOME DEL PROGRAMMA

DATA

AREA (*)

ENTE

DI COSA SI OCCUPA?

POTENZIALE DI RICERCA nell'ambito del programma specifico “Capacità” recante attuazione del Settimo programma quadro (2007-2013) di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione

  • 7FP-REGPOT
  • 2007 - 2013
  • Commissione Europea - Ricerca
  • Unione Europea

Di cosa si occupa?

L'azione POTENZIALE DI RICERCA si propone di stimolare la realizzazione dell’intero potenziale di ricerca dell’Unione allargata, liberando e sviluppando l'eccellenza esistente o emergente nelle regioni inquadrate nell’obiettivo di convergenza dell'UE e delle regioni più periferiche, e contribuire a potenziare le capacità dei ricercatori di tali regioni di partecipare proficuamente alle attività di ricerca condotte a livello comunitario.

Quali attività possono essere realizzate?

L’azione privilegerà in particolare le COLLABORAZIONI STRATEGICHE, compresi i gemellaggi, tra gruppi di ricerca - del settore sia pubblico sia privato - delle regioni ammesse a fruire delle misure di convergenza o delle regioni più periferiche dell’UE (scelte sulla base della qualità e dell’elevato potenziale) e gruppi di ricerca di chiara fama di altre parti dell’Europa. Particolare risalto sarà dato alle ricadute a lungo termine della collaborazione, sia a livello dell’Unione sia a livello regionale.

Nell’ottica della piena realizzazione del potenziale (ovvero il rafforzamento delle conoscenze, lo sviluppo di ulteriori competenze, ivi compresa la gestione della ricerca o l’acquisto di visibilità) dei gruppi interessati, l'azione prevede altresì il sostegno a selezionati gruppi di ricerca delle regioni ammesse, nell'ambito di programmi di ricerca sviluppati nel quadro di partenariati strategici per:

  • lo scambio di know-how ed esperienze, attraverso il distacco transnazionale reciproco di personale scientifico di ricerca tra i centri selezionati delle regioni sopraindicate ed una o più organizzazioni partner in un altro Stato membro dell'UE o paese associato, con meccanismi automatici di reintegro obbligatorio nell'organismo d'origine del personale distaccato proveniente dai centri selezionati nelle suddette regioni;
  • l’assunzione, da parte dei centri selezionati di eccellenza esistenti o emergenti, di ricercatori esperti 'esterni' (incoming), ivi compresi manager, per la partecipazione al trasferimento tecnologico e/o alla formazione di ricercatori, strumento altresì ideato specificamente per incentivare il ritorno di ricercatori emigrati all’estero;
  • l’acquisizione e lo sviluppo di talune apparecchiature di ricerca per i centri selezionati e lo sviluppo di un ambiente materiale per i centri selezionati di eccellenza esistenti o emergenti a sostegno dei programmi di ricerca sviluppati nell'ambito del partenariato strategico;
  • l’organizzazione di seminari e conferenze per favorire il trasferimento di conoscenze, a livello regionale, nazionale ed internazionale, con la partecipazione sia del personale di ricerca dei centri selezionati sia di ricercatori invitati di altri paesi, nell’ambito dello sviluppo della capacità di formazione e della reputazione internazionale dei suddetti centri; la partecipazione a conferenze internazionali o iniziative di formazione a breve termine, a titolo del programma, da parte del personale di ricerca dei centri selezionati, al fine dello scambio di conoscenze, l’instaurazione di contatti e l’immersione in un ambiente più internazionale;
  • attività di diffusione e promozionali, per dare una maggiore visibilità ai centri selezionati ed alle loro attività.


Al di là delle misure di sostegno sopra descritte, l’azione offrirà strumenti di valutazione, che consentano ai centri di ricerca delle regioni ammesse – indipendentemente dal fatto che questi richiedano o meno un finanziamento-di ottenere la valutazione da parte di autorevoli esperti internazionali indipendenti, designati dalla Commissione, del livello qualitativo generale della loro ricerca e delle loro infrastrutture.

News

INFORMAZIONE - 10/02/2014

Prime "ERA Chairs" per rilanciare l'eccellenza della ricerca in 11 regioni

Undici università ed istituti tecnici nelle regioni meno sviluppate in Europa stanno per ricevere fino a 2.400.000 € ciascuno in finanziamenti UE per aumentare la loro capacità di ricerca attraverso il bando "ERA Chairs"
RISULTATI - 05/02/2010

SYNBIOSIS promuove solidi legami di ricerca in Europa

Il progetto SYNBIOSIS ha riunito due cluster orientati alla ricerca - Friuli Venezia Giulia (Italia) e Moravia meridionale (Repubblica ceca) - impegnati in vari campi di ricerca, tra cui la bioinformatica, la biologia computazionale e la biomedicina
PUBBLICAZIONI - 17/06/2008

Amendments Guide for FP7 Grant Agreements

Disponibile la guida agli emendamenti ai contratti siglati con la Commissione europea nell'ambito del VII Programma Quadro di RST
POLITICA GENERALE - 04/05/2007

Commissari esortano a sfruttare al massimo il programma quadro e i Fondi strutturali

Intervenendo a una conferenza tenutasi a Bruxelles il 3 maggio, entrambi i commissari hanno esortato le autorità nazionali e regionali e gli operatori competenti a coordinare in modo migliore l'impiego delle risorse messe a disposizione tramite questi canali per realizzare gli obiettivi della strategia di Lisbona rinnovata

Chiusi: 18

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

17/12/2009

Topic / Descrizione

Termine per la presentazione delle

Scadenza

15/10/2009

Normativa

Decisione relativa al programma specifico 'Capacità' che attua il VII PQ per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

[GUUE L 400 del 30-12-2006 - Decisione n. 972/2006 del Consiglio del 19 dicembre 2006 concernente il programma specifico 'Idee' che attua il settimo programma quadro della Comunità europea per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)]

Decisione relativa al VII PQ per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

GUUE L 412 del 30-12-2006 - Decisione n. 1982/2006/ del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa al settimo programma quadro per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013)

Regolamento che stabilisce le regole per la partecipazione di imprese, centri di ricerca e università alle azioni nell'ambito del VII PQ e per la diffusione dei risultati della ricerca (2007-2013)

GUUE L 391 del 30-12-2006 - Regolamento n. 1906/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 che stabilisce le regole per la partecipazione di imprese, centri di ricerca e università alle azioni nell'ambito del settimo programma quadro e per la diffusione dei risultati della ricerca (2007-2013)