Strumenti e iniziative europee per l’innovazione e la ricerca

Il nuovo approccio ai partenariati

Nell'ambito della pianificazione strategica di Horizon Europe, la Commissione europea ha proposto, per la prima volta, un approccio politico generale per tutti i tipi di partnership definite in modo uniforme "Partenariati europei".

Le partnership rappresentano meccanismi efficaci per aggregare in modo coerente gli sforzi di ricerca e innovazione e fornire risposte funzionali alle esigenze politiche dell'Unione, sviluppando strette sinergie con programmi nazionali e regionali, riunendo una vasta gamma di attori intorno ad un obiettivo comune e trasformando la ricerca e l'innovazione in risultati socio-economici concreti.

Nello sforzo di razionalizzare le partnership esistenti e non duplicare iniziative simili a livello europeo o nazionale nella prossima programmazione, i partenariati saranno costituiti sulla base dei principi di:

  • valore aggiunto,
  • trasparenza,
  • apertura,
  • impatto all'interno e per l'Europa,
  • impegni a lungo termine di tutte le parti coinvolte,
  • flessibilità nell'attuazione,
  • coerenza, coordinamento e complementarità con altre iniziative, partnership e missioni europee, locali, regionali, nazionali e, eventualmente, internazionali.

Saranno, dunque, creati dei partenariati europei per affrontare le sfide europee o globali solo nei casi in cui raggiungeranno gli obiettivi di Horizon Europe in maniera più efficace rispetto a quanto sia in grado di fare l’Unione europea da sola e rispetto ad altre forme di sostegno già previste dal programma quadro.
Secondo quanto definito nella proposta di Horizon Europe, le European Partnerships assumeranno una delle seguenti forme:

Co-programmed European Partnerships (gli attuali cPPP): che prevedono la partecipazione della Commissione europea e partner privati e/o pubblici (come industria, università, organizzazioni di ricerca, organismi con funzioni di servizio pubblico a livello locale, regionale, nazionale o internazionale o organizzazioni della società civile tra cui fondazioni e ONG), sulla base di memorandum d'intesa e/o accordi contrattuali che specificano gli obiettivi della partnership, gli impegni di tutte le parti coinvolte a definire i contributi finanziari e/o in kind di ciascuno, le prestazioni chiave e gli indicatori di impatto, i risultati e le modalità di reporting;

Co-founded European Partnerships (le attuali ERA-NETs, EJP, FET Flagships): prevedono la partecipazione finanziaria di attori europei e nazionali pubblici e/o altre fonti di finanziamento di R&I. Il programma di ricerca e innovazione cofinanziato deve specificare gli obiettivi, le prestazioni chiave, gli indicatori di impatto e i risultati da raggiungere, in base all'impegno dei partner in termini di contributi finanziari e/o in kind e l'integrazione delle loro attività rilevanti utilizzando un’azione del Programma co-fund;

Instituzionalised European Partnerships (basate sugli Art.185 o 187 del TFUE, e sul regolamento EIT per le KIC): prevedono la partecipazione e il contributo finanziario a programmi di ricerca e innovazione attuati da diversi Stati membri in conformità con l'articolo 185 del TFUE, o da organismi istituiti a norma dell'articolo 187 del TFUE, come Joint Undertakings o dalle Knowledge and Innovation Communities dell’EIT. Tali partenariati devono essere attuati solo se altre parti del programma Horizon Europe, comprese altre forme di partenariato europeo, non contribuiscono a raggiungere gli obiettivi o non generano gli impatti previsti necessari e, se giustificati da una prospettiva a lungo termine e un alto grado di integrazione.


Segui il dibattito dalla sezione NEWS per rimanere aggiornato sull’evoluzione.