• Condividi su Facebook

Fondi UE: Parlamento respinge la condizionalità macro economica

  • 43884
  • VARIE - UE 13/02/2019
  • POLITICA GENERALE

Il PE ha adottato, con 460 voti favorevoli, 170 contrari e 47 astensioni, le norme semplificate per gli investimenti 2021-2027 nelle regioni UE.

I deputati hanno pertanto ribadito che l'attuale livello di finanziamento, pari a 378,1 miliardi di euro (ai prezzi 2018), debba essere mantenuto nel periodo 2021-2027. Le regioni meno sviluppate continueranno a beneficiare di un sostegno sostanziale dell'UE, con tassi di cofinanziamento fino all'85%.

Le norme comuni rafforzano la connessione fra l’utilizzo dei fondi e gli obiettivi politici generali dell'UE, ad esempio per:

  • aumentare la competitività e rafforzare le PMI;
  • dare la priorità alle misure di efficienza nell'offerta e nella domanda di energia;
  • proteggere la qualità dell'ambiente e compattere i cambiamenti climatici;
  • promuovere una mobilità intelligente e sostenibile;
  • rispettare i diritti fondamentali.

Nel contempo il Parlamento ha bocciato l’articolo della proposta legislativa della Commissione europea che prevedeva il possibile congelamento dei fondi strutturali per i Paesi che non rispettano i parametri macroeconomici dell’UE.

Link
Quadro di finanziamento
Area di interesse
  • Unione Europea