• Condividi su Facebook

Strategia Ondata di ristrutturazioni: migliorare la performance energetica degli edifici raddoppiando i tassi di ristrutturazione

  • 48822
  • VARIE - UE 14/10/2020
  • INFORMAZIONE

Il 14 ottobre è stata pubblicata la strategia "Ondata di ristrutturazioni" dalla Commissione europea, al fine di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici.

Per ridurre il consumo di energia e risorse negli edifici la Commissione ambisce a raddoppiare i tassi di ristrutturazione nei prossimi dieci anni: in questo modo il livello di qualità della vita delle persone migliorerà, le emissione di gas serra in Europa saranno ridotte e s'intensificheranno il riutilizzo e il riciclaggio dei materiali. 

Gli edifici sono responsabili di circa il 40% del consumo energetico dell'UE e del 36% delle emissioni di gas serra. Ma solo l'1% degli edifici è sottoposto ogni anno a ristrutturazioni ad alta efficienza energetica, quindi un'azione efficace è fondamentale per rendere l'Europa neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050.

La strategia darà priorità alle realizzazione di azioni in tre aree:

  • decarbonizzazione del riscaldamento e del raffrescamento
  • lotta alla povertà e all'inefficienza energetiche
  • ristrutturazione di edifici pubblici quali scuole, ospedali e uffici

Le azioni principali della strategia consistono nel:

  • rafforzare le norme, gli standard e le informazioni sulle prestazioni energetiche degli edifici per fornire al settore pubblico e privato un incentivo più forte a ristrutturare
  • assicurare l'accesso a finanziamenti mirati, in particolare attraverso le iniziative faro "Renovate" e "Power Up" del dispositivo per la ripresa e la resilienza nel quadro di NextGenerationEU, semplificare le regole per combinare vari flussi di finanziamento e offrire molteplici incentivi per i finanziamenti privati;
  • aumentare le capacità necessarie a preparare e attuare i progetti di ristrutturazione, dall'assistenza tecnica prestata alle autorità nazionali e locali alla formazione e allo sviluppo di competenze per chi occuperà i nuovi posti di lavoro verdi;
  • espandere il mercato dei prodotti e dei servizi sostenibili da costruzione;
  • creare una nuova Bauhaus europea, vale a dire un progetto interdisciplinare codiretto da un comitato consultivo di esperti esterni tra i quali figureranno scienziati, architetti, designer, artisti, urbanisti ed esponenti della società civile;
  • sviluppare soluzioni di prossimità in modo che le comunità locali integrino rinnovabili e digitale e si creino così distretti a energia zero in cui i consumatori diventano prosumatori che vendono energia alla rete. 
Link
Area di interesse
  • Unione Europea