• Condividi su Facebook

Horizon Europe - Widening 2.0: alcuni dettagli sul prossimo programma di sostegno ai sistemi di R&I più deboli

  • 49980
  • Science|Business 03/02/2021
  • INFORMAZIONE

Le bozze dei programmi di lavoro di Horizon Europe, recentemente pubblicate, forniscono qualche anteprima anche sul programma Widening 2.0, la strategia dell’UE per sostenere i paesi con sistemi di ricerca e sviluppo più deboli.

La Commissione ha lanciato ufficialmente Horizon Europe martedì scorso, ma la pubblicazione dei programmi di lavoro finali e dei primi bandi di finanziamento è attesa ad aprile. 

La Commissione assegna una parte significativa del programma di lavoro a progetti che promuovono la riforma dei sistemi nazionali di ricerca e sviluppo, allineandoli con gli obiettivi politici dell'UE. In particolare, la Commissione invita gli stati membri a utilizzare il denaro del programma Widening per istituire bandi comuni pluriennali che finanziano progetti collaborativi di R&I.

Inoltre, il programma offrirà sostegno a:

  • progetti comuni per portare la ricerca sul mercato e incoraggiare l'adozione dei suoi risultati
  • azioni intraprese dalle università per attrarre e trattenere i talenti, riducendo la fuga di cervelli dagli Stati membri con sistemi di ricerca deboli
  • un programma "hop-on", introdotto nei primi bandi ad aprile ma che verrà attuato pienamente non prima del 2023, per facilitare la partecipazione a Horizon Europe dei paesi con performance minori 
  • progetti che favoriscono la fiducia nella scienza, nella ricerca e nell’innovazione, contrastando lo scetticismo riemerso soprattutto durante la pandemia di Covid-19 nei confronti delle scoperte scientifiche sui vaccini e sulla mitigazione del cambiamento climatico
  • un quadro comune per le carriere di ricerca che promuova il riconoscimento diffuso delle competenze acquisite dai dottorandi
  • il rinnovamento dello Spazio europeo della ricerca per creare un mercato unico per la ricerca e l'innovazione.

In rottura con il passato, gli stati membri sono inoltre ora autorizzati a spendere fino al cinque per cento dei fondi strutturali di cui dispongono per progetti di ricerca e innovazione che soddisfano gli standard di Horizon Europe, ma che non riescono a vincere le sovvenzioni a causa dell'alto livello di concorrenza. Allo stesso tempo, le regole sugli aiuti di stato saranno allentate, permettendo agli stati membri di usare i fondi strutturali per finanziare start-up altamente innovative.

Link
Quadro di finanziamento
Area di interesse
  • Unione Europea